128
Lucas Paquetá è un cardine per il mercato invernale del Milan. Manca una settimana al traguardo finale e la situazione del brasiliano è rimasta bloccata dal post-Bergamo: in quei giorni, il Paris Saint-Germain si era attivato con Leonardo in persona al punto da manifestare l'intenzione di avviare una trattativa vera e propria con il Milan. Finché la comunicazione sul prezzo da pagare ha spinto il PSG a frenare, Paquetá non gioca più e il suo mercato è fermo. Preoccupante, al punto che non è casuale la visita del suo agente ieri a Casa Milan

Ascolta "Paquetá tra Milan e PSG" su Spreaker.

LA POSIZIONE DEL PSG - L'idea trasmessa dal Milan al Paris è di dover versare 35 milioni di euro per prendere Paquetá: la dirigenza ne fa una questione di principio (Leonardo lo ha portato a Milano 12 mesi fa a quelle condizioni) ma anche di bilancio, perché Lucas deve essere una cessione determinante per fare cassa e reinvestire su altri potenziali acquisti di massimo spessore (come può essere Dani Olmo). Il Paris Saint-Germain fa filtrare la volontà di arrivare a cifre inferiori, non si toccano i 30 milioni e a queste condizioni la situazione rimane ferma. Come da giorni. Il Milan non arretra di un centimetro, il PSG a queste cifre non presenta neanche la sua offerta ufficiale. Guerra di posizione, da Parigi fanno sapere che prenderebbero Paquetá come occasione e non come maxi-investimento. Palla alla dirigenza rossonera: abbassare il prezzo o trattenere Lucas e provare a rivalutarlo?