Commenta per primo

'Per un arbitro esperto come Rizzoli è stato un errore clamoroso'. Non ha dubbi Daniele Tombolini, ex arbitro ed ex moviolista della Rai: Zaccardo andava ammonito per quel fallo di mano in area che ha provocato il rigore a favore del Genoa. E visto che era già stato ammonito, per lui doveva scattare l'espulsione.

'Le regole sono chiare - prosegue Tombolini -, il fallo di mano comporta l'ammonizione quando interrompe un'efficace azione d'attacco. E non solo in area di rigore, anche a centrocampo. E nel caso di Zaccardo il suo tocco di mano ha impedito a un giocatore del Genoa di colpire la palla di testa vicino alla porta. Non si può parlare di una chiara occasione da gol, come quando un giocatore respinge la palla di mano sulla riga di porta, ma in questo caso il fallo di mano avrebbe comportato il cartellino rosso'.

Come si spiega un errore così? 'Non so cosa sia passato per la testa di Rizzoli. Forse in quell'attimo ha pensato che il rigore fosse già una punizione forte. Non ha voluto infierire, ma ha sbagliato. Il giallo era d'obbligo'. Sul gol fantasma di Marquez, Tombolini dà ragione all'arbitro. 'Quando la palla rimbalza a terra è sulla riga, poi il portiere la smanaccia'.

(Il Secolo XIX)