(La prima parte è stata pubblicata qui QUI)
 
Da una parte c'è una società con sede legale a Sarzana, posta a capo di una rete di scuole calcio ma con un oggetto sociale che comprende anche il lavoro di consulenza nella stesura di contratti fra società e calciatori, l'intermediazione fra club per il trasferimento di calciatori, e la gestione di accademie e club dilettantistici. Dall'altra c'è una società con sede legale a Londra, costituita insieme a un agente di calciatori e posta a capo di un'accademia calcistica senegalese. E al centro di tutto ciò si trova Riccardo Pecini, direttore generale dell'Empoli che fino alla fine della scorsa stagione era responsabile del settore giovanile della Sampdoria e dello scouting blucerchiato.
 
SCENA NUMERO 1: SARZANA – Al civico 3/a di Via Emiliana, Sarzana, ha sede legale una società denominata Studio Fut S.R.L. Iscritta presso la Camera di Commercio “Riviere di Liguria”, che raggruppa i territori di Imperia, La Spezia e Savona, Studio Fur S.R.L. è una società giovane. Costituita il 16 aprile 2018, iscritta il 3 maggio 2018, data d'inizio attività 8 giugno 2018. Capitale sociale: 10.000 euro. L'attività prevalente di Studio Fut S.R.L. viene indicata nella “promozione e organizzazione di eventi sportivi”. Ma come sempre, quella dichiarata “in copertina” è soltanto una versione sintetica rispetto alla gamma completa. Di cui si ha piena illustrazione nello spazio dedicato all'oggetto sociale, riscontrabile grazie alla visura camerale che Calciomercato.com ha estratto in data 9 aprile 2019.

In testa si trova quella di maggiore interesse: “Promuovere i rapporti tra i calciatori professionisti e le società di calcio in vista della stipula di un contratto di prestazione sportiva, ovvero tra due società di calcio per la conclusione di un contratto di trasferimento, a titolo definitivo o temporaneo, di un calciatore”. Un'attività da agenti, appunto. Né sono meno rilevanti molte fra le altre che vengono dichiarate nello spazio dell'oggetto sociale. Vi si trova infatti: la consulenza a calciatori e società di calcio per la stipula di contratti relativi a immagine, sponsorizzazione e merchandising; la stipula di contratti relativi a “attività connesse” con le precedenti; il lavoro di segnalazione di calciatori (scouting); la promozione e gestione di centri sportivi; e, cosa particolarmente notevole, “la gestione diretta ed indiretta di accademie e clubs dilettantistici, sviluppata sia attraverso accordi di consulenza, sia in partecipazione societaria”.
 

 
Di certo i fondatori della società non si fanno mancare le ambizioni, e per alimentarle non si peritano di prospettare la mescolanza di funzioni che andrebbero tenute separate. Per esempio, la consulenza in termini di stipula di contratti e d'intermediazione, che non andrebbe messa in relazione con la gestione diretta e indiretta di club. Ma appunto, chi sono i fondatori e soci di Studio Fut S.R.L.?
 
MASSIMILIANO PLICANTI –  Presidente del Consiglio d'amministrazione, carica ricoperta dalla data del 18 gennaio 2019 dopo essere stato fino a quel momento l'amministratore unico della società fin dal giorno della sua fondazione. Vive un quarto d'ora di celebrità nazionale a gennaio 2017, quando partecipa al programma di Rai Uno “L'eredità”, all'epoca condotto da Fabrizio Frizzi. Invece sul piano locale Plicanti è già noto, essendo stato presidente del consiglio comunale e vicesindaco di Fivizzano. Di Studio Fut S.R.L., Plicanti risulta socio al 20% come testimonia la visura camerale.
 


RICCARDO PECINI – Il più in vista dei tre, appartenente a una dinastia di uomini di calcio che comprende il padre Aldo e il fratello Nicola. Classe 1974, Pecini risiede a Sarzana ma è nativo di Fivizzano. Dunque, da una parte la città in cui ha sede Studio Fut, e dall'altra quella di cui l'avvocato Massimiliano Plicanti è stato presidente del Consiglio Comunale e poi vicesindaco. Pecini ha un curriculum che lo ha visto passare da società come la Florentia Viola (cioè la prima Fiorentina dei Della Valle, nell'anno della ripartenza dalla Serie C2) e il Milan, il Tottenham e il Monaco, fino a approdare alla Sampdoria come responsabile del settore giovanile. Lungo questa parabola gli viene attribuita una lista di scoperte calcistiche, che va da Modric a Berbatov, da Icardi a Martial, fino a Mbappé e Skriniar. Molti altri se ne sarebbe potuto citare, e il risultato sarebbe comunque lo stesso. Resta il fatto che, in termini di profilo dirigenziale, l'acquisizione del ruolo da direttore generale dell'Empoli (con responsabilità specifica sul settore giovanile) costituisca un salto di qualità. E tutto ciò avviene poche settimane dopo la fondazione di una società con sede legale a Sarzana, nel cui oggetto sociale vengono prefigurati il lavoro di consulenza a beneficio di calciatori e club e la gestione “diretta o indiretta” di club dilettantistici.
 
VIOLA – Meno mediatico, ma non certo meno conosciuto a chi vive nel mondo del calcio, è il nome di Francesco Diego Viola. Classe 1967, nativo di Reggio Calabria, Viola è stato per anni il responsabile dello scouting milanista per il Sud Italia (QUI). Informazioni raccolte da Calciomercato.com riferiscono che egli arrivi al Milan più o meno nello stesso periodo in cui approda Pecini. Di sicuro c'è che durante il passaggio alla Sampdoria, l'attuale direttore generale empolese avesse nell'ex scout rossonero uno dei suoi collaboratori più stretti (QUI). E quando è il momento di trasferirsi a Empoli, Viola segue Pecini insieme a un gruppo di fedelissimi (QUI).
 
MARINANGELI - Il più defilato di tutti è Gianluca Marinangeli. Aquilano, classe 1977, esperto in gestione di grandi eventi, stando a quanto riferisce il suo profilo LinkedIn. A settembre 2016 è stato nominato responsabile del centro sportivo sampdoriano “Mugnaini”, con sede a Bogliasco (LEGGI). L'amicizia stretta con Pecini e Viola sotto le insegne blucerchiate ha lasciato un segno tangibile, e sopravvive dopo che i due migrano nella Toscana profonda.
 
LA FUT ACADEMY – Emanazione di Studio Fut è la Fut Academy, che nel sito web viene presentata come “network di scuole calcio” (QUI). Vi si trova persino uno spazio dedicato all'e-commerce, attraverso il quale è possibile acquistare equipaggiamento sportivo di marca. C'è anche la lista delle scuole calcio affiliate: due in Sicilia, due in Calabria, due in Toscana e una in Campania. Certo, si tratta di un network ancora giovane e in fase di costruzione. Ma che ha già messo a segno un'attività di formazione abbastanza rilevante. Nelle date del 1 e 2 giugno prossimi si svolgerà a Ortonovo (SP) la prima Fut Academy Cup, come si può leggere sul sito web dell'accademia con tanto di tariffario per la partecipazione (QUI). Ma l'attività era già partita un anno fa. Il 26-29 giugno 2018, quando Studio Fut era costituito da poco più di due mesi, ha avuto luogo il primo campus giovanile a Torre del Greco, per impulso della Scuola Calcio Real Ginestra.
 
SCENA 2 TRA LONDRA E SENEGAL - Da Sarzana e Londra passano quasi 1.500 chilometri. Distanza rilevante fra due mondi che hanno poco in comune. Ma una fra queste poche cose si trova nella capitale del Regno Unito, al 17 di Grosvenor Street, a Mayfair. Qui ha sede una società denominata Sporting Club Spes Limited (QUI). Oggetto sociale: attività di consulenza. La Sporting Club Spes Limited risulta avere in organico un solo amministratore. Si tratta di Luca Puccinelli, toscano, agente di calciatori. La sua agenzia di gestione delle carriere si chiama Football Now, la cui cabina di regia ha sede al medesimo indirizzo di Sporting Club Spes Limited (QUI). A dire il vero, l'indirizzo di Spes non è sempre stato al 17 di Grosvenor Street. Al momento della fondazione, 7 gennaio 2016, la società era basata al 118 di Piccadilly. Sarebbe stata spostata all'indirizzo di Football Now Limited soltanto il 3 agosto del 2017, e dopo essere passata anche dal 71-75 di Shelton Street Covent Garden. Ma la cosa più interessante da rilevare nell'atto di fondazione è che inizialmente Puccinelli avesse un socio al 50%. Quel socio si chiamava Riccardo Pecini. L'indirizzo di residenza, a Sarzana, è il medesimo che si trova nella visura camerale di Studio Fut. Ovviamente Calciomercato.com lo omette per ragioni di privacy.
 

 
Dunque l'allora responsabile del settore giovanile e dello scouting sampdoriani teneva a Londra una società al 50% con un agente di calciatori. Tale situazione rimane in essere fino al 19 aprile del 2018. Quel giorno Pecini esce da Sporting Club Spes Limited dopo aver ceduto la propria quota. Nello stesso giorno viene deliberato un aumento di capitale, con l'ingresso di un nuovo soggetto denominato F. G. International Ltd. Da notare che l'uscita di Pecini da Sporting Club Spes Limited avvenga tre giorni dopo la costituzione di Studio Fut S.R.L. a Sarzana.
 

 
Ma di cosa si occupa la società londinese? Essa gestisce un'accademia in Senegal. Si tratta della Spes Academy, fondata nel 2015 e insediata a Thiés, 80 chilometri da Dakar (QUI). Spes Academy si presenta come un progetto che coniuga il calcio all'impegno sociale. I giovani calciatori locali vengono alloggiati nelle strutture dell'accademia, e associano l'impegno calcistico allo studio. Presidente di Spes Academy è Joseph Dayo Oshadogan, il primo calciatore dalla pelle nera a avere vestito una maglia della nazionale italiana. Quanto alle sedi di riferimento, oltre a quella londinese ce n'è una a Dakar e una a Monaco.

Per Spes la produzione di talenti calcistici rimane centrale. È anche questo lo scopo di manifestazioni come la Spes Cup, la cui terza edizione si è svolta l'anno scorso il 26-29 giugno nello stadio Iba Mar Diop di Dakar (QUI). Cioè negli stessi giorni in cui si teneva a Torre del Greco il primo campus di Fut Academy organizzato dalla Scuola Calcio Real Ginestra. Ma è certamente una coincidenza, dato che ormai da due mesi il legame fra Riccardo Pecini e la società londinese a capo di Spes è sciolto. Pochi giorni dopo l'ex responsabile del settore giovanile della Sampdoria veniva nominato direttore generale dell'Empoli. Ma intanto a Dakar, per seguire la Spes Cup, si trovava Claudio Calvetti, responsabile del settore giovanile empolese. Ne riporta testimonianza un reportage pubblicato a settembre da Style, supplemento del Corriere della Sera, che riferisce pure alcune dichiarazioni di Calvetti (l'articolo, firmato da Enrico dal Buono, è reperibile ma non linkabile sul sito di Press Reader col titolo “Tutto un altro calcio”). E da Spes i calciatori approdano anche in Europa. Certamente è toccato a tre di loro durante la stagione in corso. Due di questi, Mouhamed Keita e Ibrahima Yade, a marzo 2019 sono finiti nella terza serie portoghese, all'Olhanense (QUI). Che è un club passato negli ultimi anni da un gruppo italiano all'altro. L'ultimo presidente della serie si chiama Andrea Papadia, mentre il suo predecessore è stato l'ex arbitro internazionale Luigi Agnolin, stroncato da un male incurabile a settembre 2018 quando deteneva la carica.

Da Olhão sono passati anche Igor Campedelli, ex presidente del Cesena, e Nicola Pecini, fratello di Riccardo (QUI). Durante l'estate scorsa è arrivato in Europa da Spes Academy un altro calciatore. Si tratta di Mouhamadou Lamine Sakho, centrocampista classe 2000 (QUI). Società di destinazione? L'Empoli, che lo acquisisce per la squadra Primavera insieme, fra gli altri, a tre calciatori provenienti dalla Sampdoria (QUI).
 
RICAPITOLANDO – Il direttore generale dell'Empoli Football Club è fondatore e socio di una società privata italiana che ha fra gli oggetti sociali l'assistenza tanto ai calciatori quanto alle società nella stipula di contratti e/o accordi di trasferimento, e la gestione diretta e indiretta di club dilettantistici. Fin qui tale società non risulta avere intrapreso queste attività, che però rimangono nell'oggetto sociale. Piuttosto, essa ha avviato attività di e-commerce relativa a equipaggiamento sportivo e ha istituito un'accademia che a sua volta fa da organizzazione-ombrello per alcune scuole calcio distribuite sul territorio nazionale. Va ricordato che le scuole calcio sono enti di formazione sia teorica che pratica, ma anche un canale di reclutamento.

Ciò è compatibile con lo svolgimento di un ruolo apicale in un club professionistico? È un interrogativo che poniamo senza alcuna malizia, e anzi con l'intento di veder fatta chiarezza una volta per tutte. Perché magari molti altri dirigenti di società vorrebbero svolgere analoghe attività ma vengono frenati dalla convinzione che non si possa fare. O magari altri lo stanno facendo ma si mantengono nell'ombra perché temono il rischio di sanzioni, e allora sarebbe giusto consentire anche a loro di uscire allo scoperto.

Il direttore generale dell'Empoli Football Club è stato pure fondatore e socio anche di una società privata con sede legale a Londra, detenuta per due anni e tre mesi insieme a un agente di calciatori. E in questo caso, di dubbi, ce n'è molti di meno. Tale società è a capo di un'accademia senegalese che porta il nome della società londinese e ha già preso a esportare calciatori in Europa. Uno di questi è stato acquisito dall'Empoli Football Club per la squadra Primavera. Un trasferimento avvenuto quando l'attuale direttore generale dell'Empoli Football Club aveva ceduto le quote della società londinese da pochi mesi e assunto la carica nella società toscana da poche settimane.

Questi i fatti.

(2. fine)