108
È di passaggio Marko Pjaca alla Juve. Lo ha sempre saputo. I tempi in cui poteva provare a riconquistare allenatore e dirigenza a dargli un'opportunità sono ormai passati, anche per (tanta) sfortuna gli anni trascorsi in prestito non sono riusciti a rilanciare il croato come sperato. Ma è ancora giovane, è un classe 1995. E ha un contrato lungo, in scadenza nel 2023. Quanto basta per poter tentare di nuovo la via del prestito per sbloccare la propria cessione in un mercato complicato per chiunque. E se Pjaca resta di passaggio, questa volta dovrebbe comunque restare a Torino.

C'E' IL TORO – Già, perché su di lui ora è proprio il club granata a fare sul serio. D'altronde sono anni che Ivan Juric vorrebbe averlo con sé, sicuramente nelle ultime due stagioni ha provato a portarlo al Verona senza successo. Una collaborazione ora sempre più possibile, lo stesso Pjaca è ormai convinto del progetto granata in attesa di un accordo tra club. Che può arrivare, ma non è ancora vicinissimo. Si tratta sulla base di un prestito con diritto di riscatto, non c'è ancora intesa per quel che riguarda i termini necessari per far scattare l'obbligo e la cifra complessiva del trasferimento, con la Juve che punta a incassare in tutto circa 7 milioni. Giorni caldi, Pjaca può andare al Toro, ma senza fretta.