Calciomercato.com

Premi CM.com: Pecini da Julio Cesar allo Zenit; 20 anni di carriera e successi

Premi CM.com: Pecini da Julio Cesar allo Zenit; 20 anni di carriera e successi

  • Luca Talotta

“Julio Cesar è stato scoperto da un mio osservatore, Aldo Pecini. In Italia non lo conosceva nessuno, stava per andare al Porto, siamo riusciti a portarlo in Italia gratis. Ed è diventato Julio Cesar”. Con queste parole due anni fa Roberto Mancini, dall'alto del suo ruolo da disoccupato in quanto esonerato dall'Inter da qualche mese, parlava di Aldo Pecini in un'intervista. Quest'ultimo oggi è il responsabile dello scouting internazionale dello Zenit San Pietroburgo, club diretto in panchina da Luciano Spalletti e che ha visto l'arrivo, lunedì, di Mimmo Criscito dal Genoa.

Ma Aldo Pecini è anche uno dei candidati alla vittoria finale del PREMIO CALCIOMERCATO.COM per la sezione osservatori. La nostra redazione lo ha contattato, per presentarlo ai suoi lettori e scoprirne i pregi sportivi: “Ho lavorato alla Fiorentina per cinque anni, iniziando nel 1992 – ci dice – poi sono passato a Bologna, Chievo e Inter, dove ho lavorato nel periodo di Roberto Mancini. E poi Lazio, Torino, Parma... ho i capelli grigi...”, conclude sorridendo.

Quasi 20 anni di carriera, un curriculum invidiabile; e pensare che Pecini aveva cominciato a lavorare nel mondo scolastico: insegnava e allo stesso tempo, per hobby, allenava. Poi la collaborazione con Silvio Baldini (è stato il suo secondo) e l'approdo alla Fiorentina lo hanno lanciato dietro le quinte: “E' un lavoro che ti permette di girare molto e vedere giocatori – prosegue Pecini – molto affascinante. Certo che è fondamentale avere una famiglia che ti permetta di poterlo svolgere al meglio", ha concluso

VOTA IL MIGLIOR GIORNALISTA SPORTIVO, OSSERVATORE E AGENTE DI CALCIATORI!

Altre notizie