Commenta per primo

"Se c'è un problema, vado via". Claudio Ranieri svela un retroscena di spogliatoio. Il tecnico della Roma ha dichiarato in conferenza stampa: "Lo dissi alla squadra tempo fa, ma i giocatori mi hanno detto di no. Sono loro che mi danno l'entusiasmo per andare avanti, tutto il resto è gossip".

"C'è un allenatore con un contratto ancora non rinnovato, quindi si sentono tante cose. Viene Guardiola, viene Mourinho, viene Franceschino, viene Antonello, viene Pasqualino, viene Montella, viene tizio. E' normale, rientra tutto nel mondo del calcio. Per me non è un problema, ma non posso andare dietro a tutto questo. C'è una società in vendita e c'è un socio che sta entrando, come fa a occuparsi adesso dell'allenatore? Poi noi tecnici siamo come il mariti, gli ultimi a sapere certe cose".

Champions: "Pensiamo allo Shakthar Donetsk, che è una signorissima squadra. I ragazzi sono carichi e io molto fiducioso, dobbiamo fare una grande partita perché ci teniamo molto ad andare avanti in Champions. Stiamo lottando, è sbagliato dire che la squadra debba ritrovare gli stimoli. Sabato il Napoli ha giocato meglio di noi, ma non per mancanza di stimoli da parte nostra. Questa per noi è una stagione particolarissima, ovviamente influisce la situazione societaria che stiamo vivendo. Tra l'altro è un anno particolare per la costruzione della squadra, anche per l'introduzione del turn-over".