4

È iniziata l'era di Aurelio Andreazzoli. Il tecnico ieri ha guidato il suo primo allenamento, insieme ad Antonio Carlos Zago e al vice Roberto Muzzi. L'ex attaccante è stato promosso in prima squadra dai Giovanissimi Regionali e ha lavorato per quattro anni a Trigoria nel settore giovanile. Molti tifosi hanno storto la bocca, saputa la notizia della sua nomina, e attraverso le radio hanno espresso il proprio dissenso verso un professionista che non ha mai nascosto la fede laziale (vestendo peraltro per due anni la maglia biancoceleste). Tuttavia il club, in particolare il ds Sabatini, lo stima molto e lo tiene in considerazione anche per il futuro.

Ieri erano presenti un centinaio di tifosi all’esterno del quartier generale romanista. L'atmosfera si è fatta tesa all'ingresso dei giocatori, ma nessun incidente. Sono volati soltanto insulti e cori di scherno. 'Noi siamo dalla parte di Zeman, è una persona pulitadedita al lavoro e voi lo avete mandato via perché non avete voglia di sudare', il grido collettivo di protesta. Prima di scendere in campo, Andreazzoli ha parlato alla squadra per circa mezz'ora. I giocatori lo considerano 'l'amico numero uno' e la fiducia è reciproca: 'Per me non contano le ore di allenamento, le doppie sedute, ma la qualità di come si lavora', il succo del suo discorso espresso nello spogliatoio.

Il neo allenatore ha dunque stilato, in accordo con il gruppo, una tabella di allenamenti completamente pomeridiana, ad eccezione della rifinitura di sabato in programma alle 11, prima della partenza per Genova (squalificato Tachtsidis per la gara contro la Sampdoria). La squadra è poi scesa in campo con un pallone a testa e ha iniziato a palleggiare. Un incipit che ha ricordato molto quello di Ranieri, dopo le dimissioni di Spalletti: 'Voglio che lavoriate sereni, divertendovi', la raccomandazione dell'allenatore di Massa. Ieri, a causa delle tante convocazioni delle Nazionali, il gruppo era formato soltanto da dodici giocatori più lo squalificato Guberti. Osvaldo ha comunque fatto sentire l'appoggio al nuovo corso con un tweet da Coverciano: 'Ora sono molto meno nervoso'.

(DNews - Edizione Roma)