132
Tra una Champions League ancora in gioco e una da conquistare per la prossima stagione, la Roma inizia a pensare al futuro. A partire da quello che sarà l'allenatore, con la posizione di Eusebio Di Francesco che è tutt'altro che sicura. A maggior ragione se, come sembra sempre più probabile, a giugno dovesse salutare anche Monchi, tentato dalla Premier e dal ritorno a Siviglia.

DIFRA A RISCHIO - Il dirigente spagnolo è stato il grande difensore di Di Francesco nella parte più dura di questa stagione, quando - soprattutto dopo il 7-1 subito contro la Fiorentina in Coppa Italia - parte della società spingeva per l'esonero immediato. A meno di clamorosi ribaltoni, si andrà avanti così fino a fine campionato, ma poi le strade dell'allenatore abruzzese e del club del presidente James Pallotta sembrano destinate a dividersi. Con un nome che è già in pole position per la sua sostituzione: quello di Maurizio Sarri.
CENA A LONDRA - Come scrive Repubblica, nei giorni scorsi c'è stata anche una cena a Londra tra il tecnico del Chelsea e Franco Baldini, ex dirigente giallorosso e consigliere personale di Pallotta. Un primo incontro in cui la Roma ha ribadito la stima per Sarri, cercato già nel 2015 e la cui avventura inglese è già arrivata al capolinea, con l'esonero quasi scontato in caso di sconfitta domenica, nella finale di Carabao Cup contro il Manchester City.