20
Il Natale della Roma resta dolce nonostante la vittoria della Lazio in Supercoppa. Fonseca ha chiuso un anno tormentato con più certezze che dubbi. Sotto l’albero si attendeva la svolta societaria con il passaggio delle quote di maggioranza da Pallotta a Friedkin ma probabilmente bisognerà attendere gennaio per capire l’esito dell’affare. Roma in risalita quindi ma con alcune correzioni da fare sia in entrata che in uscita nonostante Fonseca abbia dichiarato che difficilmente sarà migliorabile la rosa. Petrachi avrà a disposizione un budget molto ridotto e dovrà quindi far cassa con gli esuberi.

DIFESA - Il pacchetto di centrali convince soprattutto nelle prime scelte. Smalling e Mancini sono una certezza, Cetin una bella sorpresa mentre Fazio fatica ancora. L’esubero si chiama Juan Jesus che guadagna tanto (2,2 milioni) e gioca pochissimo. Per il brasiliano in prima fila c’è il Bologna. Al suo posto potrebbe arrivare Medina, 20enne argentino del Tallares. Sulle fasce tutto dipende da Florenzi. Il capitano ha visto quasi sfumare la pista Fiorentina. Restano in ballo Cagliari, Sampdoria e soprattutto il Valencia disposto a prenderlo in prestito con riscatto fissato a 20 milioni. Il club spagnolo regalerebbe a Florenzi gli ottavi di Champions con l’Atalanta, ma l’ipotesi estera non lo convince. Alessandro potrebbe restare anche perché ha chiuso un anno disastroso con due buone prestazioni. In caso di partenza la Roma tornerebbe su un terzino destro: Hysaj o Iacoponi le piste più calde. A sinistra si cerca (probabilmente a giugno) un dopo Kolarov ed è spuntato con forza il nome di Kolasinac in uscita dall’Arsenal.
CENTROCAMPO - E’ un reparto che non verrà toccato anche perché a fine gennaio torna dall’infermeria Cristante. I progressi di Diawara e Veretout uniti alla crescita esponenziale di Lorenzo Pellegrini hanno fatto il resto. Per il futuro si tiene d’occhio Nandez del Cagliari. In uscita potrebbe esserci Pastore richiesto dal Lione. 

ATTACCO - Il vero rinforzo Fonseca se lo aspetta davanti. Kalinic non lo convince affatto e si sta cercando una soluzione per rispedirlo all’Atletico Madrid e girare il prestito dei prossimi 6 mesi a una tra Genoa e Fiorentina. Il vice Dzeko ideale potrebbe essere Petagna, ma va convinta la Spal e superata la concorrenza dell’Inter. In seconda fila Pinamonti del Genoa mentre per Mariano Diaz il discorso potrebbe slittare a giugno anche perché c’è la grana ingaggio (4,5 milioni). Sfumato Kean che resterà all’Everton.