93
Nonostante diversi ottimi colpi come quelli di Rui Patricio, Eldor Shomurodov, Matias Viña e l'ultimo arrivato Tammy Abraham – subito grande protagonista nella prima giornata – il mercato della Roma sembra ancora incompleto. Prima della gara contro la Fiorentina, Mourinho in conferenza stampa ne ha parlato così: “Il nostro mercato è stato di reazione perché abbiamo perso due giocatori che non ci aspettavamo, per questa ragione non abbiamo preso qualche calciatore che nella mia analisi sarebbe importante per equilibrare la nostra rosa”. Il tecnico portoghese ha anche riconosciuto gli sforzi della società, che ha reagito ai problemi dei due giocatori in questione (l'infortunio di Spinazzola e la cessione di Dzeko). Il nodo principale per quanto riguarda il mercato in entrata è collegato a quello in uscita, ovvero alle difficoltà legate alle cessioni dei diversi esuberi ancora presenti in rosa.

PASSI IN AVANTI – I giallorossi dovevano sfoltire ampiamente la squadra, un compito non facile che spettava a Thiago Pinto. Il direttore sportivo portoghese è riuscito a sistemare alcuni dei giocatori più importanti che non rientravano nel progetto tecnico, come Kluivert (passato al Nizza), Under e Pau Lopez (andati al Marsiglia) e Florenzi, ceduto in prestito con diritto di riscatto al Milan. Oltre a questi, hanno lasciato anche Pedro, Juan Jesus e Bruno Peres, tutti e tre andati via gratis. Il classe 2000 Bianda è stato piazzato in prestito al Nancy proprio negli scorsi giorni, stesso discorso per Coric ('97) passato allo Zurigo. Sicuramente un discreto lavoro quello di Thiago Pinto, ma la società sta cercando di sfruttare gli ultimi giorni di mercato per completare il fronte esuberi.
QUELLI CHE MANCANO – Sono Robin Olsen, Federico Fazio, Davide Santon, Steven Nzonzi e Javier Pastore i giocatori ancora rimasti in rosa da provare a piazzare nelle ultime ore di mercato. Nzonzi percepisce circa 3 milioni netti, la società punta alla rescissione perché non sono arrivate offerte, ma lui non vuole rinunciare allo stipendio rimanente e chiede una buonuscita. Stesso discorso per Pastore: nessuno si è presentato a Trigoria con offerte per l'argentino, che prende 4,5 milioni all'anno e chiede una buonuscita per risolvere il suo contratto. Olsen è l'unico che ha avuto diversi interessamenti importanti, soprattutto dalla Premier League, ma l'ultimo – quello dello Sheffield – non convince del tutto il portiere svedese. Rimane Fazio, che ha ricevuto una proposta del Genoa che però non ha ancora accettato, e Santon, su cui ci sono gli interessamenti dalla Turchia del Sivasspor e dell'Antalyaspor. Sono attese offerte, quindi, per loro due, sperando che vadano a soddisfare entrambe le parti per liberarsi e iniziare un nuovo capitolo. Tutti questi esuberi bloccano, ovviamente, il mercato in entrata: se Thiago Pinto dovesse riuscire a compiere l'impresa, allora la Roma potrebbe anche provare a piazzare un colpo last-minute importante – il centrocampista? - da regalare a Mourinho.