Calciomercato.com

Roma, le pagelle di CM: Ibanez horror derby, Wijnaldum passeggia

Roma, le pagelle di CM: Ibanez horror derby, Wijnaldum passeggia

  • FB
  • 12
Rui Patricio 6,5: Qualche brivido quando al 17’ esce di testa dall’area, poi ferma bene a terra due tentativi di Anderson prima e di Zaccagni. Nella ripresa la grandine è in arrivo. Devia in angolo su Luis Alberto e Pedro. Davvero nulla può sul gol.  L’ultimo colpevole di un altro derby perso. 

Mancini 6: Ha tutti i muscoli in tiro, anche quelli della faccia. Riserva colpi proibiti, ne riceve. In perfetto stile derby. Deve dare una mano a Zalewski su Zaccagni e in contemporanea non aprire varchi al centro. Si butta su ogni pallone, rischiando qualsiasi parte del corpo. 

Smalling 6: Senza punti di riferimento fissi da marcare ci mette un po’ a prendere le misure. E’ comunque il meno agitato del gruppo arretrato che dopo mezz’ora vede sfilarsi Ibanez per l’ennesima sciocchezza da derby. In fuorigioco sull’autogol di Casale, peccato. I miracoli non può farli. 

Ibanez 3: Il derby non è proprio roba sua. Dopo i due clamorosi svarioni delle ultime puntate arriva il doppio giallo in mezz’ora che rovina il derby. Sul primo qualche dubbio potrebbe anche esserci, ma il secondo è davvero un peccato da matita blu che non può essere perdonato. Al prossimo derby regalategli un viaggio. 

Zalewski 5: Zaccagni è una furia. Nicola cerca di tenere butta con astuzia e carattere ma spesso ricorre a zio Mancini per farsi aiutare. A volte basta, a volte no. Come in occasione del gol quando fa scivolare la palla in area. Sull’impegno nulla da dire. 

Wijnaldum 5:  Esce fuori dal guscio al 18’ quando sfiora la traversa da fuori area. Ma non garantisce l’ampiezza che fornisce di solito Matic e dopo l’espulsione di Ibanez è quello che accusa di più la minoranza in campo.  Doveva uscire prima. (21’st Matic 6: entra e subito trova l’imbucata. La Roma non può rinunciarci)

Cristante 5,5:  Sventa subito un pericolo su un cross basso di Zaccagni poi passa qualche minuto di stordimento tra lanci sballati e ritardo sulle seconde palle. Il rosso di Ibanez lo costringe dietro, e questo schiaccia ancora di più il gioco. E aumenta anche gli errori in impostazione. 

Spinazzola 5,5: Spegne la torcia olimpica tutto il primo tempo buona limitando anche i pericoli offensivi della Roma che nelle ultime giornate aveva usufruito della sua spinta.  Nel finale cerca il gol ma il pallonetto deviato da Provedel sembrava comunque destinato fuori. 

Pellegrini 5: Va su ogni pallone, ma non ha quasi mai la lucidità immediata di trasformarli in oro. Certo non ci sono grandi condizioni per farlo stasera, ma i campioni si vedono in momenti così. Al 80’ Abraham gli offre la possibilità di rientrare nella storia della stracittadina. Ma calcia malissimo. (84’ Solbakken sv)

Dybala 5:  La Joya si fa vedere vedere poco nel primo tempo se non nei piccoli focolai di tensione che si creano dalle sue parti. Rimane nei box a fine primo tempo, ma non tanto per demeriti quanto per ragioni di equilibrio. (1’st  Llorente 6: esordio in un derby, nel momento più duro. Salva in scivolata il 2-0 ma sembra ancora un pesce fuor d’acqua. Dal 79’ El Shaarawy sv: anche lui sembrava avere più brio)

Belotti 6:  Gli arrivano quei palloni sporchi che ha il compito di rendere docili per i compagni. Alcuni sono davvero troppo sporchi. Prende una marea di botte e prova pure a lanciarsi da solo alla Voeller. (21’st Abraham 5: entra cercando di dare profondità e qualche sponda. Si fa anticipare spesso, lontani i tempi di gloria)

Mourinho 5: Ultimo giro fermo. Il più pesante da mandare giù.  La Roma inizia sorniona, cercando di sfruttare le ripartenze e mostrando tanta stanchezza di coppa. Ibanez guasta i piani e diventa tutto in salita. Con i polpacci sgonfi. Nella ripresa i cambi appaiono tardivi, Wijnaldum da minuti camminava per il campo.  E quello di Dybala non convince del tutto, Pellegrini non stava tanto meglio ma almeno la Joya ha colpi improvvisi.

Altre notizie