Lite pesante in casa Roma, dopo la fine della partita di Bergamo pareggiata per 3-3 contro l'Atalanta, tra l'allenatore Luciano Spalletti e il capitano Francesco Totti: ci sarebbe infatti stato un diverbio acceso davanti ad alcuni testimoni dinnanzi agli spogliatoi, nel quale si parla anche di un contatto fisico, secondo quanto riporta Gazzetta.it. Mani addosso sfiorate tra i due, dunque. L'allenatore era agitato nel dopo la gara, al capitano non sono piaciute le sue frasi nel post-partita. 

LA SCINTILLA? LE DICHIARAZIONI DI SPALLETTI  - Post-partita tutt'altro che sereno: non è ancora chiara la scintilla che ha scatenato i due, forse una parola di troppo del capitano, oppure un riferimento mal digerito dell'allenatore, segnalato molto agitato al rientro degli spogliatoi nei confronti dei propri giocatori. La scintilla avrebbe portato anche ad un contatto fisico, non ancora confermato, che sarebbe potuto sfociare in rissa. Le dichiarazioni post gara di Spalletti non sono state concilianti sul capitano, che con la rete numero 301 ha consentito alla Roma di pareggiare 3-3. "Quel gol Totti lo fa anche fra 3 anni, ma sono altre le cose che non vengono portate alla luce. Se ci lavorate un po', vedrete che usciranno". Ed effettivamente sono uscite.

LA RICOSTRUZIONE DEL LITIGIO - L'edizione online del Corriere della Sera ha ricostruito la lite tra Totti e Spalletti, avvenuta al termine del pareggio per 3-3 contro l'Atalanta. Il capitano non avrebbe assolutamente gradito le dichiarazioni di Spalletti. Il tecnico, una volta rientrato negli spogliatoi, avrebbe dichiarato alla squadra: "Sono dieci anni che non vincete niente e che fate figure di merda". In un secondo momento, davanti le telecamere, Spalletti ha poi parlato direttamente di Totti: "Dzeko? Soffre del paragone con Totti, dualismo che fa la piazza: tutti vogliono Totti e di conseguenza Dzeko non deve giocare. Totti è un grandissimo, Dzeko anche, questo è il messaggio che deve passare. Il dualismo lo demotiva un pochino e certamente può fare meglio di quello che ha fatto oggi. Abbiamo vinto 9 partite giocando anche senza Totti, quindi va bene così. Totti non ha salvato niente, la partita l’ha salvata la squadra. Lui ha calciato in porta come l’altra volta, ha dato un buon pallone, se ne dava 3 ne facevamo tre. Gliela hanno preparata bene, lui ha questi tiri e ha fatto un gran gol e ci ha dato la possibilità di pareggiare la partita. Fa parte della squadra e fa il lavoro che deve fare tutta la squadra. Quel gol Totti lo fa anche fra 3 anni, ma sono altre le cose che non vengono portate alla luce. Se ci lavorate un pò, vedrete che usciranno".

LA SMENTITA
- Come spesso succede in questi casi, arriva la smentita da parte di Luciano Spalletti tramite il sito della Roma: “Quanto leggo mi sorprende molto visto che, essendo stato espulso, non sono rientrato nel sottopassaggio con i calciatori. Ho atteso i giocatori nello spogliatoio e ovviamente ho avuto delle cose da dire visto che non ero contento di come è andata la partita. Smentisco nel modo più categorico che ci sia stata una lite o peggio ancora un confronto fisico con chiunque dei miei calciatori. Io non metto le mani addosso ai miei giocatori. Adesso basta perdere tempo, da domani al lavoro per la gara contro il Torino".