34
Nove minuti a San Siro, poi solo panchina fino all'esclusione dalla lista Uefa. Javier Pastore con la maglia della Roma non ha mai avuto un gran feeling, ma ora la storia d'amore travagliata sembra arrivata ai titoli di coda. Fonseca, dopo aver creduto al recupero del Flaco, a inizio stagione si è dovuto arrendere col passare delle settimane fino alla bocciatura per la partenza in Germania dove la Roma si giocherà l'Europa League. 

RISOLUZIONE -  Sono tornati a farsi sentire, infatti, i problemi fisici del giocatore, di nuovo alle prese con il fastidio all’anca che l’ha tormentato in questa stagione e che ora gli impedisce di stare al passo coi compagni. Al netto delle difficoltà nel trovare una squadra interessata a comprare El Flaco (l’ultima offerta è arrivata a gennaio dalla Cina,  poi solo un sondaggio dalla MLS), sul tavolo c’è la concreta possibilità di chiudere l’avventura in anticipo con una risoluzione di contratto a tre anni dalla scadenza che farebbe risparmiare 14 milioni netti alla Roma. Pastore guadagna infatti 4,5 milioni a stagione, "colpa" dell'accordo trovato tre anni fa da Monchi e Baldini oltre ai 25 milioni sborsati al PsgUna soluzione in stile Sanchez-United o Mkhitaryan-Roma, senza però la certezza di un nuova squadra ad aspettare il giocatore (lo Zenit si è informato). Per trovare un club l'argentino dovrà abbassare di molto le pretese economiche.