Calciomercato.com

Roma, Smalling è un caso: è out da 3 mesi e ha voglia di Arabia. Mou pronto a scaricarlo

Roma, Smalling è un caso: è out da 3 mesi e ha voglia di Arabia. Mou pronto a scaricarlo

  • Francesco Balzani
  • 22
"Si è tirato un po' indietro". Forse peggiore accusa non poteva esserci da parte di Josè Mourinho nei confronti di Chris Smalling che non gioca una partita dal primo settembre, quella contro il Milan all'Olimpico. Poi ha alzato bandiera bianca per un problema tendineo mai specificato in pieno, almeno in maniera ufficiale. Il difensore ha rifiutato inizialmente le terapie mediche classiche per alleviare il dolore, ha preferito seguire un suo "credo" . Legittimo, ma questo ha diluito i tempi. Dopo le visite svolte a Londra il problema sembrava migliorare, però finora Smalling non si è mai visto in gruppo. "Non sa nemmeno se fuori piove o c'è il vento, sta sempre in infermeria", sorride amaro Mou mentre i tifosi lo bersagliano di commenti sui social. Le speranze di averle entro Natale sono minime. La Roma è così costretta a giocare sempre con gli stessi tre centrali (Mancini, Ndicka e Llorente) e a dover rinunciare al suo miglior difensore. Ma c'è anche il timore di non rivedere più Smalling con la maglia della Roma. 

ARABIA - Dietro al recupero lento dell'inglese si nascondono voci decisamente credibili. Dopo l'addio di Matic, infatti, l'Arabia Saudita avrebbe bussato alla porta di Smalling. A quel punto la Roma non poteva privarsi di un altro elemento fondamentale della colonna portante della squadra e avrebbe detto no. Anche perché Smalling aveva da poco rinnovato il contratto da 3,5 milioni con i giallorossi. Le prestazioni negative con Salernitana e Verona e il lungo stop hanno alimentato i dubbi. Vista la rottura con Mourinho e parte dello spogliatoio, a gennaio di fronte a un eventuale nuova offerta araba Pinto potrebbe anche cambiare idea e cedere il 34enne di fronte a una proposta non inferiore ai 10 milioni. Difficile sperare nell'interesse di altri club europei. A quel punto però alla Roma servirebbero due rinforzi in difesa. Uno in grado di sostituire anche la stazza fisica dell'ex Manchester. Piacciono in questo senso Dier del Tottenham e Marì del Monza. Ma anche uno che possa alternarsi sulla fascia, il nome di Theathe piace molto. Ma il Rennes potrebbe non accettare la richiesta di prestito. 

Altre notizie