89
Non si arresta la rabbia del popolo romanista dopo la comunicazione ufficiale del club di non rinnovare il contratto in scadenza a giugno del capitano Daniele De Rossi e la conferenza stampa tenuta ieri dallo stesso numero 16 giallorosso. La società e nello specifico il suo presidente James Pallotta sono finiti nuovamente nel mirino quando, la notte scorsa, sono apparsi in vari punti della città degli striscioni con messaggi di sostegno a De Rossi e di attacco nei confronti del club.


Tra i più duri, quello affisso davanti alla sede della Roma all'Eur, che recita: "Figli di Roma, capitani e bandiere, ecco il rispetto e l'amore che questa società non potrà mai avere!". Tutto dedicato al centrocampista, che lascia la squadra del suo cuore dopo 18 anni e oltre 600 presenze, quello che è stato appeso invece in Corso Vittorio, non lontano dall'abitazione del calciatore: "DDR vanto nostro".