Calciomercato.com

Roma, tentativo per Sabitzer: Pinto ritira fuori la formula-Wijnaldum

Roma, tentativo per Sabitzer: Pinto ritira fuori la formula-Wijnaldum

  • FT
  • 15
Non è andata bene per via della sfortuna e di un grave infortunio all'inizio della stagione, ma l'affare Roma-Wijnaldum sulla carta era veramente ottimo: Tiago Pinto ha impostato nell'estate 2022 un prestito con diritto di riscatto a 8 milioni di euro, strappando al Psg anche il pagamento di metà del pesante salario dell'olandese (10 milioni di euro l'anno compresi i bonus). Una spesa netta di 5 milioni, che poi è il tetto massimo del monte ingaggi giallorosso - la cifra che percepisce Abraham. 

SECONDO TENTATIVO - Non è andata bene, dicevamo, ma questo non significa che la formula non sia valida: e allora ecco che, nell'intento di regalare a Mourinho un altro centrocampista di tecnica e fantasia da affiancare ad Aouar e da contrapporre alle dighe Matic e Cristante, Tiago Pinto ha messo nel mirino anche Marcel Sabitzer, austriaco di proprietà del Bayern Monaco che negli ultimi sei mesi del 2022-23 ha giocato in prestito al Manchester United. Sabitzer ha contribuito per diverse stagioni alla crescita anche in campo internazionale del Lipsia prima di venire prelevato in prossimità della scadenza di contratto a prezzo di saldo dal Bayern. L'impatto in Baviera non è stato dei più positivi, dunque ecco il prestito allo United che aveva bisogno di sopperire all'infortunio di Eriksen. Tornato in Germania, è sul mercato e interessa alla Roma, che vorrebbe provare a prenderlo a sua volta a titolo temporaneo. 

GLI OSTACOLI - Anche perché l'ingaggio di Sabitzer, così come quello di Wijnaldum, è fuori dalla portata della Roma: 7 milioni, servirebbe una mano dal Bayern come è arrivata dal Psg un anno fa. Il club allenato da Tuchel non sembra però intenzionato, come scrive La Repubblica, non solo ad accollarsi parte dello stipendio, ma in generale a valutare soluzioni di questo tipo, prendendo in considerazione solamente la cessione a titolo definitivo. Un ambiente difficile in cui muoversi - servirebbe un passo indietro da parte del diretto interessato sull'ingaggio o un sacrificio importante della società - contando anche che non mancano alternative come Renato Sanches, che gioca nello stesso Psg dove è tornato almeno momentaneamente proprio Wijnaldum. 

Altre notizie