38
I campioni alla riscossa, per la riconferma. Il Portogallo è inserito nel Gruppo F di Euro 2020, il "girone di ferro", ossia il raggruppamento più difficile della manifestazione, che vedrà le proprie partite in scena tra Germania e Ungheria, nelle città di Monaco di Baviera e Budapest, e che comprende, oltre tedeschi e ungheresi, anche la Francia di Deschamps, campione del mondo in carica. A Seleção das Quinas è alla ottava partecipazione a un campionato europeo ed è campione in carica, visto il primo posto ottenuto nel 2016 proprio contro i francesi, con il guru Fernando Santos seduto in panchina.


LA ROSA: 

PORTIERI: 
Anthony Lopes (Olympique Lyon), Rui Patrício (Wolverhampton Wanderers FC) e Rui Silva (Granada CF);

DIFENSORI: João Cancelo (Manchester City), Nélson Semedo (Wolverhampton Wanderers FC), José Fonte (LOSC Lille), Pepe (FC Porto), Rúben Dias (Manchester City), Nuno Mendes (Sporting CP), Raphael Guerreiro (Borussia Dortmund);

CENTROCAMPISTI: Danilo Pereira (PSG), João Palhinha (Sporting CP), Rúben Neves (Wolverhampton Wanderers FC), Bruno Fernandes (Manchester United FC), João Moutinho (Wolverhampton Wanderers FC), Renato Sanches (LOSC Lille), Sérgio Oliveira (FC Porto) e William Carvalho (Real Bétis Bolompié);

ATTACCANTI: Pedro Gonçalves (Sporting CP), André Silva (Eintracht Frankfurt), Bernardo Silva (Manchester City FC), Cristiano Ronaldo (Juventus FC), Diogo Jota (Liverpool FC), Gonçalo Guedes (Valencia CF), João Félix (Atlético Madrid) e Rafa Silva (SL Benfica). ​


IL CAMMINO - Il Portogallo si è qualificato direttamente agli Europei grazie al secondo posto conquistato nel gruppo B di qualificazione, alle spalle dell'Ucraina. Sono 17 i punti realizzati in otto partite, frutto di cinque vittorie, due pareggi e una sconfitta. 22 i gol segnati, 6 quelli subiti, con Cristiano Ronaldo vice capocannoniere delle qualificazioni con ben 11 reti messe a segno. Cocente la sconfitta contro l'Ucraina di Andriy Shevchenko, che è costata il primo posto nel girone.


IL CALENDARIO:

15 giugno, ore 18.00 – Ungheria-Portogallo (Budapest)
19 giugno, ore 18.00 – Portogallo-Germania (Monaco di Baviera)
23 giugno, ore 21.00 – Portogallo-Francia (Budapest)


LA STELLA - La sensazione è che, al di là di un cammino pre-Europei non esattamente esaltante, la nazionale di Fernando Santos abbia tutto per andare fino in fondo, ancora una volta. La stella assoluta è ovviamente Cristiano Ronaldo, unico giocatore già presente nella rassegna del 2004, che dopo la stagione non esaltante con la Juventus punta al secondo Europeo di fila per provare a vincere il sesto Pallone d'Oro, ma questa volta ci sono tanti altri giocatori di grande qualità, top in Europa: impossibile non citare Bruno Fernandes, che con il Manchester United ha collezionato in stagione 27 gol e 17 assist, oltre al classe 1999 dell'Atletico Madrid Joao Felix, il post CR7. Ma occhio anche al "guardiolano" deluso Bernardo Silva, alfiere del City, e a Diogo Jota, esploso nel Liverpool, oltre all'ex Milan André Silva, una sentenza in Bundes con la maglia dell'Eintracht Francoforte. Mica male.


@AleDigio89