24
Una porta aperta, almeno parzialmente. Mikkel Damsgaard ringrazia la Sampdoria ma non chiude, anzi, ad un addio a fine stagione: “Rimanere alla Samp per tanti anni? Perché no? Poi, ovvio, nella vita non si sa mai -  le sue parole a Il Secolo XIX - e nel calcio come in tutto dipende dalle performance, nel bene ma anche nel male”. 


Insomma, è ancora presto per sbilanciarsi, ma in estate l’esterno potrebbe essere oggetto di molte attenzioni. Pagato lo scorso febbraio 6,5, oggi Damsgaard vale almeno tre volte tanto, circa 20 milioni. Contratto in scadenza nel 2024, la Samp è tranquilla e se lo gode. Ranieri ha avuto coraggio e lo ha lanciato praticamente subito, ora vive senza ansie le voci delle tante squadre che lo seguono.


La prima a prendere informazioni, come anticipato da Calciomercato.com lo scorso 19 dicembre, è stata l’Inter, che lo ha fatto seguire dai suoi osservatori a lungo. Esterno di piede destro, in grado di giocare su entrambe le fasce, Damsgaard è stato ritenuto “uno da prendere” dagli scout nerazzurri. Con la Samp i rapporti sono ottimi, lo testimoniano i tanti affari di questi anni. Non c’è ancora una vera e propria trattativa in corso, anche per il difficile momento societario che vive l’Inter, ma i discorsi tra i club sono iniziati già a dicembre. Conte e Marotta continueranno a osservarlo, Damsgaard non chiude la porta. Se ne riparlerà presto.