Commenta per primo

Carlo Osti, direttore sportivo della Lazio, parla di mercato a Sampdorianews.net.

Icardi è stato senza dubbio l'uomo mercato in casa Samp, si è parlato anche di un'offerta proveniente dal Chelsea oltre che dalle big italiane, conferma?
"L'unica offerta concreta è stata del Napoli. Offerta concreta della quale però non abbiamo avuto modo di parlare in modo compiuto dal momento poi c'è stata uno scambio di mail tra il Napoli stesso e gli agenti del calciatore e non trovando un accordo loro non siamo entrati nei dettagli".
 
Il Napoli puntava ad acquisire Icardi già a gennaio?
"Stiamo parlando di un'operazione che comunque sarebbe avvenuta a giugno perchè la volontà della Sampdoria e del giocatore era di non accettare offerte per gennaio".
 
Nelle ultime ore di mercato è circolata una voce circa un accordo con la Juve raggiunto per cedere la metà di Poli, c'è qualcosa di vero in questa indiscrezione?
"Con la Juventus se n'è parlato ma non si è trovato un accordo sulle parti tecniche quindi la cosa è finita lì, per giugno vedremo".
 
Com'è nata l'idea di ingaggiare Rodriguez, giocatore poco noto in Europa?
"E' un giocatore che io conosco, si è fatta viva la necessità di avere un esterno di centrocampo in un centrocampo a cinque, io conoscevo questo giocatore ed è nata questa trattativa con l'Universitad de Chile e l'abbiamo acquisito".
 
In questo mercato non è stata ritoccata la difesa.
"Se fosse partito un difensore ne avremo preso, non essendo uscito nessuno siamo rimasti così anche perchè il mister conosce sempre di più questa squadra, ormai la sta allenando da un pò di tempo, diciamo che i nostri giocatori ci stanno dando ottime garanzie e non abbiamo ritenuto opportuno ritoccare il reparto difensivo".
 
Alla base di questa scelta senz'altro ha influito l'ottimo e per certi versi inaspettato rendimento di Palombo al centro della difesa.
"Certamente sì perchè Palombo sta interpretando il ruolo con grandissima personalità, con grandissime qualità tecniche e sinceramente sembra che abbia giocato sempre in questo ruolo, sotto questo aspetto siamo molto contenti".
 
Qual è il suo bilancio al termine di questa sessione invernale del calciomercato?
"Io comunque sono soddisfatto, dovevamo completare il reparto avanzato con l'uscita di Pozzi, possibilmente con una seconda punta che fosse un'alternativa ad Eder, ed è arrivato Sansone, ci serviva un esterno ed è arrivato. Qualcosa abbiamo smaltito, si certo c'è il rimpianto di non aver smaltito di più, però Renan ha rifiutato il Brescia alla fine, prima aveva rifiutato il Livorno e il Cesena, quindi è chiaro era un diritto del ragazzo fare questa scelta. Forse abbiamo qualche giocatore in più però non può essere tutto perfetto".