1
Per la Sampdoria arriva una sfida sempre suggestiva, quella con i Campioni d'Italia della Juventus, e Claudio Ranieri si trova alle prese con numerosi dubbi di formazione. Il primo, grande interrogativo da sciogliere riguarda il modulo che verrà impiegato dal mister blucerchiato. Il tecnico nell'ultima gara ha schierato la Samp con il 4-3-1-2, sistema con cui il Doria ha rifilato due gol al Parma e impiegato anche per la rimonta ai danni dell'Udinese. Considerando la caratura dell'avversario però non va esclusa la possibilità di un ritorno ad un più coperto 4-4-1-1 o 4-4-2.

Con quest'ultima disposizione, Ranieri dovrà lavorare sugli interpreti offensivi. Utilizzando due attaccanti, spazio a Keita e Quagliarella, mentre l'impiego di un'unica punta comporterebbe l'inserimento di uno tra Verre e Ramirez alle spalle dell'unica punta, in quel caso probabilmente Keita. Nei quattro di centrocampo, il ballottaggio è a sinistra tra Jankto - in vantaggio - e Damsgaard, con Candreva a destra e il tandem Silva-Ekdal come cerniera centrale. Lo svedese, ex di giornata, dovrà giocarsi il posto con Thorsby. Certezze invece in difesa. Davanti ad Audero, linea composta da Bereszsnki, Colley, Yoshida e Augello. Tonelli non sta ancora bene, Ferrari sta recuperando ma difficilmente Ranieri lo rischierà.

Probabile formazione Sampdoria (4-4-2): Audero; Bereszynski, Colley, Yoshida, Augello; Candreva, Silva, Ekdal, Jantko; Keita, Quagliarella.