56
La notizia del problema riscontrato da Patrik Schick al momento delle visite mediche con la Juventus è arrivata come un fulmine a ciel sereno in casa Sampdoria. Nessuno se lo aspettava, tra le fila dei blucerchiati, anche perchè l'attaccante ceco negli ultimi mesi aveva giocato parecchio, tra Serie A e Europeo Under 21. Ecco perchè ieri i due club hanno organizzato congiuntamente degli esami al Policlinico Gemelli di Roma sotto la supervisione del Coni, istituto imparziale.

ESITO - Schick è arrivato nella capitale accompagnato da Ferrero. Romei e da Paska, il suo agente. La Samp si è fatta scortare anche dal dottor Baldari, il medico societario, ma era presente anche la Juve per monitorare la situazione. Secondo Il Secolo XIX i lunghissimi controlli a cui è stato sottoposto il centravanti avrebbero in pratica confermato quelli effettuati dallo JMedical di Torino: qualche problema ci sarebbe. Sarebbe stata infatti confermata l'idoneità sportiva per soli 4 mesi, e non per l'intera stagione. Tutte le parti in causa si sono ovviamente trincerate dietro al silenzio, per rispettare la privacy del giocatore. Si parla di una presunta aritmia cardiaca, fortunatamente non sarebbe niente di grave (sono parecchi i giocatori ad aver avuto problemi del genere senza risentirne dal punto di vista della carriera), ma non si tratterebbe neppure di un 'problema' inventato dalla Juve per variare i termini dell'accordo o per virare su altri obiettivi.
NUOVI TERMINI - La Samp, dal canto suo, evidenzia come anche la situazione ambientale possa aver influito nelle anomalie dei battiti: passare da promessa a oggetto del desiderio di tantissime squadre, venir prelevato nel bel mezzo di un Europeo da un jet privato per sostenere le visite mediche con un club come la Juve avrebbe procurato 'agitazione comprensibile' nel ragazzo. A questo punto l'ultima parola spetta ai medici, anche se il responso dovrebbe essere pronto tra oggi e lunedì. Solamente a quel punto si capiranno l'entità dei tempi di recupero - da Torino ieri parlavano di 'qualche mese' - e le modalità della trattativa. La Juventus spinge per il prestito, anche oneroso, con riscatto legato alle condizioni di Schick. La Samp invece sembra intenzionata a mantenere la sua posizione: se i bianconeri vogliono il giocatore, possono depositare il contratto, altrimenti i blucerchiati si rivolgeranno alle altre pretendenti, che di certo non mancano per l'ex Sparta Praga.