Commenta per primo

La bufera Icardi scuote la Sampdoria. La stella nascente del calcio italiano, e forse mondiale, con ogni probabilità non rinnoverà con i blucerchiati. Un grosso rammarico, perché vederlo giocare è davvero un piacere per gli occhi. Un mix perfetto di velocità e potenza, con un fiuto del gol ammirabile e tanta voglia di lottare insieme alla squadra. L'attaccante perfetto o quasi, soprattutto nel calcio di oggi. L'avviso per tutti è quello di gustarselo il più possibile perché a meno di miracoli, firmati Corte Lambruschini, a giugno cambierà aria.

La Sampdoria però come sempre non piangerà e si metterà al lavoro per il futuro con un cospicuo tesoretto da reinvestire. Il primo passo dovrebbe essere, e speriamo sia cosi, il rinnovo del contratto di Delio Rossi. Il vero fenomeno di questa squadra è lui. La Sampdoria è la migliore difesa della serie A da quando l'ex Lazio è in panchina: è vero, segna poco, ma dà l'idea di una grande solidità, tassello fondamentale quando poi in sede di mercato la squadra dovrà essere migliorata.

Delio Rossi e la Sampdoria dopo essersi sfiorati più volte si sono finalmente abbracciati e il matrimonio sembra funzionare alla perfezione. I meriti del mister sono riconosciuti dalla società e dai tifosi, che dopo averlo accolto alla grande sono convinti di essersi innamorati della persona giusta. Mister Rossi ha conquistato tutti, anche i giocatori, tutti nel progetto o per lo meno tutti utili, perfino quell'Angelo Palombo da troppi dimenticato.

Lunga vita quindi a questa intesa, ma il prolungamento del contratto è necessario per non far arrivare qualche big a portarsi via anche lui. Questo sì che sarebbe un errore gigantesco. Un allenatore di questo calibro non si trova spesso, e la Samp ne sa qualcosa dopo le parentesi Atzori e Ferrara, solo per non andare troppo indietro nel tempo.