103
Renato Sanches ha dominato a San Siro. Lo ha fatto con personalità, qualità e talento nella notte di Europa League col suo Lille di fronte al Milan dove doveva giocare per davvero... sì, perché era tutto praticamente fatto. Impostato, quasi concluso. Era l'estate del 2017, il centrocampista portoghese aveva solo 20 anni e l'attuale ds rossonero Mirabelli aveva praticamente imbastito l'operazione: un acquisto definitivo per ottenere Renato Sanches in rossonero e investire sul suo talento, accordo col giocatore ma tutto saltato praticamente in extremis.


Il vero motivo è stato Karl-Heinz Rummenigge, vicepresidente del Bayern Monaco all'epoca proprietario del cartellino del calciatore. Sì, perché proprio Kalle ha bloccato l'affare perché si è opposto alla formula della cessione definitiva nonostante il volere di Renato: desiderio Milan stoppato a causa di un cambio di idea, Rummenigge ha chiesto solo un prestito secco che i rossoneri hanno rifiutato. La formula è stata poi accettata dallo Swansea dove Sanches ha deluso le aspettative, ormai il Bayern lo ha venduto a cuor leggero per 20 milioni. Il Milan lo aveva in pugno, se lo è ritrovato davanti senza rimpianti perché Bennacer, Kessié, Tonali in quel reparto danno garanzie per presente e futuro. Ma Sanches poteva davvero essere rossonero...

“Novità – Estrazione mensile di un diamante da 10.000€ al più fortunato – Gioca ora”