Commenta per primo
L'attaccante della Sampdoria Patrik Schick ha rilasciato una lunga intervista a Premium Sport.

PARAGONE CON VAN BASTEN - "Conosco van Basten soltanto di nome ma non l’ho mai visto giocare".

VITTORIA CON LA ROMA - "Penso fosse importante vincere contro la Roma perché dovevamo fare punti e migliorare sul piano della classifica. Il gol? Ho fatto un buon controllo e ho scavalcato De Rossi. Poi mi sono ritrovato la palla sul destro e ho tirato sul secondo palo. Diciamo che è andata bene. Sono molto felice: segnare contro una grande squadra dà sempre sensazioni speciali".
IDOLI - "Guardando il calcio italiano mi piacevano attaccanti come Inzaghi, Del Piero, Totti, ma i miei preferiti sono sempre stati Cristiano Ronaldo e Ibrahimovic. Se seguivo una squadra in particolare? A onor del vero ricordo bene una partita: la finale di Champions tra Milan e Liverpool. Nei Reds giocavano i miei connazionali Smicer e Baros e fu davvero un match incredibile".

TATTICA - "Andiamo a San Siro più forti e convinti di noi stessi. I rossoneri hanno qualche problema, ma li ho visti contro il Napoli e giocano molto bene. Sappiamo bene che sono una squadra forte: dobbiamo prepararci al meglio, possiamo competere con loro e vincere. Come? Essere aggressivi è la nostra tattica: facciamo molto pressing e gli avversari si sentono sotto pressione. Questo è il modo per fare tre punti".

OBIETTIVO - "Fa piacere a tutti essere accostati a grandi squadrema io sono qui, sono concentrato sulla Samp e voglio dare il massimo. Giampaolo sa lavorare con giovani: credo di essere migliorato da quando sono arrivato in Italia, la sua è la strada giusta per crescere. Un traguardo da raggiungere entro fine stagione? Il mio obiettivo è andare in rete in ogni partita".