89
Clarence Seedorf fa le carte alla Serie A. L'allenatore olandese ex Milan ha dichiarato in un'intervista a Tuttosport: "Il campionato sarà ancora più equilibrato della scorsa stagione. Le squadre dal terzo posto in giù si sono tutte rafforzate, ma l'Inter e il Milan hanno ancora qualcosa in più a mio avviso. Bisogna vedere come gestirà il Milan i due impegni: perché se da un lato è bello essere tornati in Champions e quindi sarà un torneo da affrontare con grandi ambizioni, anche vincere uno scudetto per un milanista, non sarebbe così male. L'Inter ha dovuto perdere giocatori importanti, non facilmente sostituibili, ma resta un'ottima squadra". 

Gioca a Magic e sfida i migliori fantallenatori nel fantatorneo Nazionale de La Gazzetta Dello Sport. In palio più di 1.000 premi. Attivati

"La Juventus? Penso che abbiano la pancia piena. Si sta ricostruendo, ha avuto il suo ciclo, ma con quello che hanno vinto possono permettersi di impiegare un po' di tempo per vincere di nuovo. Non mi aspetto che la Juventus possa avere la stessa fame di chi non ha vinto per anni. Detto ciò, resterà sempre competitiva: se qualcuno lascia cadere qualcosa, loro saranno prontissimi per andarlo a raccogliere. Resto convinto che sia sempre favorito chi ha più fame di vittorie, rispetto a chi ha già vinto tanto". 

"Con Maldini ci sentiamo ogni tanto. Il Milan è in buone mani, il dna di ogni club può essere passato solo da chi l'ha vissuto. E quindi il Milan, avendo un totem come lui, presente ogni giorno, almeno le informazioni sono passate bene. Poi se vengono trasmesse o meno in campo è un'altra cosa. Il Milan sta costruendo qualcosa di solido, le scelte sono chiare e poi il mix giovani-vecchi lo considero sempre fondamentale. Paolo la vede uguale, hanno Ibra in campo e quest'estate hanno preso Giroud, quindi siamo in linea su questo". 


"Non ho mai creduto nell'età. Nel senso che c'è un'età biologica e poi ci sono i fatti che sono i test che fanno vedere in che condizione ti trovi. Io, ad esempio, avevo dati migliori a 34 anni che a 26, quando giocavo nel Milan. Se poi questi dati non sono importanti per chi deve fare le scelte tecniche, è un altro discorso. Ibra e Giroud si sono tenuti bene durante la carriera, così è più facile continuare. E poi l'esperienza compensa tante cose che i giovani non possono avere: la gestione delle emozioni, degli allenamenti, i momenti di difficoltà. Quando hai in squadra gente come Ibra e Giroud, nella squadra copri anche un aspetto che altri non hanno o che non hanno ancora vissuto. E poi è la storia della vita far crescere i giovani...". 
 
"Il Milan è tornato in Champions League dopo l'ultima volta con me in panchina? Mi spiace sia passato così tanto tempo, perché eravamo in grado, se la società allora avesse fatto altre scelte, di non rimanere fuori per sette anni fuori da questa manifestazione. E resta l'orgoglio di quello che ho fatto come allenatore del Milan". 


Pronostico simile per Massimo Mauro, doppio ex di Napoli-Juventus: "O Spalletti e Allegri fanno miracoli, o sarà difficile competere con Inter e Milan. Da parte della Juve c'è l'abitudine al successo sviluppata negli ultimi dieci anni. Per quanto riguarda il Napoli non credo che screditare il calcio aiuti a vincere e mi riferisco a De Laurentiis. Se dici che vincere non conta e che lo scudetto ti è stato scippato crei un alibi ai giocatori. Non è il modo per rendere vincente un gruppo. Più difficile il compito di Allegri perché ha gia vinto ed è in un ambiente dove se arrivi secondo hai fatto male, dunque ha più pressione. Il Napoli se arriva secondo ha fatto un grande campionato e se va in Champions ha fatto meglio della scorsa stagione. Il Napoli mi sembra capace di rispettare il suo ruolo: lottare per andare in Champions e, se fanno i fenomeni, per lo scudetto. La Juve per motivi diversi è stata preoccupante a Udine e contro l'Empoli e Allegri dovrà trovare delle contromisure. Ero allo Stadium e la squadra sembrava a fine stagione, stanca: da vedere se dipende dalle scorie dell'Europeo. Poi Dybala, Chiesa e Cuadrado provavano a risolverla da soli e Bonucci, che se gioca in spazi stretti ed è l'uomo in più quando imposta è il migliore, in spazi larghi va in difficoltà. Una Juve troppo brutta per essere vera, ma forse è il caso di capire prima di tutto come proteggere il portiere e poi si vede". 

"Una difesa a tre con De Ligt, Bonucci e Chiellini mi sembrerebbe, almeno per il momento, la soluzione migliore, vista la condizione e visto il centrocampo. Per quello dico che Allegri ha il compito più complicato. Deve inventarsi delle contromisure, ma per esempio non ha un regista: Locatelli mi piace moltissimo da mezzala ma non da play. Può giocare con due mediani, ma ripeto, ha un compito complicato. Sabato è sicuramente favorito il Napoli. La coppia Osimhen-Insigne mi piace, così come la compattezza del centrocampo che sa difendere e impostare. La Juve dipenderà da cosa si inventa Allegri. L’assenza di Chiesa sarebbe pesante, è il giocatore più importante. Però deve pensare di più, rallentare e giocare anche senza palla: se ci riuscirà diventerà irresistibile, una delle ali più forti al mondo".