Commenta per primo

Il traffico sull'autostrada Bari-Torino è stato, negli ultimi anni,arr via via sempre più intenso. Il primo ad aver imboccato quella direzione è stato Giampiero Ventura, seguito quindi dai vari Glik, Guberti, Masiello, Meggiorini, Parisi, Gillet, Gazzi, Barreto, Bellomo...  Quest'anno, un ragazzo ha invece percorso la strada con destinazione opposta: Marco Chiosa, prestato per una stagione ai biancorossi. Un esempio che potrebbe essere seguito da molti, anzi che sta già facendo proseliti, non solo nel capoluogo pugliese ma in tutta la regione.

Il Barletta si è infatti affidato in toto a due "fedelissimi" di Massimo Bava, direttore del settore giovanile del Torino: si tratta di "Pupi" Rizzieri nel ruolo di direttore sportivo e di Marco Sesia (peraltro ex calciatore granata) come allenatore. E i due stanno già puntando alcuni dei talenti cresciuti da Moreno Longo: su tutti, l'attaccante Emmanuel Gyasi, che però è da molto tempo il primo obiettivo del Foggia.

E torniamo infine a Bari per segnalare il pressing della società del neopresidente Paparesta su Emanuele Gatto, capitano della Primavera granata fino al 2013 e reduce da un'ottima stagione in Lega Pro, al Lumezzane. Il giovane regista di centrocampo però dovrebbe prima essere visionato da Ventura in ritiro con la prima squadra. Poi, eventualmente, potrà passare un anno fra i Galletti, sempre se questi vinceranno la concorrenza del Cittadella che già l'anno scorso lo cercava.