441
L'Inter è sempre più a un passo dal suo 19esimo scudetto: i nerazzurri passano 2-0 a Crotone, Eriksen e Hakimi regalano a Conte il 18esimo risultato utile consecutivo e un successo che mette in condizione di guardare con trepidazione il risultato di Sassuolo-Atalanta. I punti di vantaggio sulla squadra di Gasperini sono ora 14: se Dea non dovesse vincere al Mapei Stadium, l'Inter sarebbe aritmeticamente campione d'Italia, altrimenti basterà un punto nel prossimo turno. Già certo invece il destino del Crotone: con questa sconfitta la formazione allenata da Cosmi è la prima retrocessa in Serie B, arriva anche la certezza matematica (-13 dalla zona salvezza con quattro partite ancora da giocare).

LA PARTITA - Il match parte subito a ritmi altissimi, con tante occasioni nel giro di pochi istanti: meno di 60 secondi e Handanovic deve respingere la conclusione di una, nei due minuti successivi due occasioni per Sensi, ghiottissima la seconda con il centrocampista che a tu per tu con Cordaz non riesce a superare il portiere di casa. L'Inter sale e prende più confidenza, costruendo le palle gol più pericolose del tempo: al 23' Lukaku centra il palo di testa sul corner di Sensi, al 28' il belga si vede murare da Djidji e sulla ribattuta Lautaro in rovesciata da fuori area manda alto, al 44' è l'argentino a prendere il secondo legno dei nerazzurri calciando di destro dal limite. Il Crotone, che nel primo tempo perde anche Reca per infortunio e cambia Cigarini all'intervallo (dentro Pedro Pereira ed Eduardo) fatica a tornare a farsi vedere dalle parti di Handanovic e allora poco prima dell'ora di gioco è ancora Sensi a provare da fuori, conclusione semplice per Cordaz, e con Hakimi che calcia di poco alto sopra la traversa. Serve una svolta, Conte la cerca e la trova in panchina. Al 66' triplo cambio, fuori Darmian, Lautaro e Sensi per Perisic, Sanchez e soprattutto Eriksen, che al 69' sblocca il match: sponda di Lukaku (primo giocatore in Serie A a fare almeno 20 gol e almeno 10 assist in una stagione), il danese calcia di prima trovando la deviazione di Magallan che beffa Cordaz per lo 0-1 dell'Inter. E due minuti dopo Perisic in contropiede ha l'occasione del raddoppio, ma manda di poco a lato. Cosmi prova a buttare nella mischia Riviere, ma è ancra l'Inter ad andare vicina al gol: Perisic al volo sulla punizione di Eriksen, ma il pallone viene respinto da Lukaku. Che all'83' si farebbe perdonare: il belga avvia l'azione e allarga per Perisic, poi riceve il passaggio di ritorno in area e di prima intenzione batte Cordaz per lo 0-2 che potrebbe chiudere i giochi, ma il VAR annulla per fuorigioco di Perisic. Il Crotone prova gli ultimi assalti con Simy, ma niente da fare e al 93' è Hakimi in contropiede a chiudere definitivamente i giochi infilando di sinistro in mezzo alle gambe di Cordaz: finisce così, lo 0-2 retrocede aritmeticamente il Crotone in Serie B mentre l'Inter di Conte aspetta il risultato di Sassuolo-Atalanta per scoprire se potrà festeggiare già domenica lo scudetto.

A FINE PARTITA RESTA SU CALCIOMERCATO.COM PER L'APPROFONDIMENTO DI 100ESIMO MINUTO DI ALBERTO CERRUTI​​.