43
La notizia tanto attesa dai club di Serie A è finalmente arrivata. No, non è l'accordo sui diritti tv 2021/24 né la decisione finale sull'ingresso dei fondi d'investimento nel nostro calcio, bensì la decisione del Tribunale di Milano sull'ultima rata non pagata da Sky dei diritti tv della stagione 2019/20202. 
L’emittente Satellitare non aveva infatti pagato la cifra pattuita al momento del bando chiedendo uno sconto alla Lega Serie A alla luce della rimodulazione del calendario susseguita all’emergenza Covid. 
Il Tribunale di Milano, infatti, si è pronunciato oggi e ha ordinato l’esecuzione del decreto ingiuntivo contro Sky per il pagamento alla Lega Serie A dell’ultima rata da 131 milioni di euro relativa ai diritti tv della stagione 2019/20. ​​Il Tribunale ha quindi respinto il ricorso di Sky, confermando quindi che dovrà versare subito l'intera rata. 
L'azienda spiega in una nota inviata all'Ansa: "Sky prende atto della decisione di oggi con cui il Tribunale di Milano, nell'ambito di un passaggio procedurale, ha disposto la provvisoria esecutorietà del decreto ingiuntivo richiesto dalla Lega Serie A per il pagamento della sesta rata dei diritti audiovisivi della stagione 2019/20 del Campionato di Serie A. Sky ottempererà alla provvisoria esecuzione del decreto in attesa del giudizio di merito. Questo pronunciamento non coglie l'azienda di sorpresa e, come testimoniato anche ieri con la lettera inviata alla Lega Calcio e a tutti club, Sky ha sempre cercato di portare avanti un dialogo costruttivo con la Lega stessa anche in virtù del proprio ruolo di partner storico e affidabile".