16
La Serie A nel 1972, quasi mezzo secolo fa, scendeva in campo alla vigilia di Natale. Invece oggi è a riposo, così i calciatori possono rilassarsi in vacanza



La meta preferita è Dubai, gli Emirati Arabi in generale. Dai romanisti Dzeko, Perotti e Zaniolo al milanista Piatek passando per i granata Izzo, Verdi, Baselli e Parigini oltre agli interisti Lukaku, Candreva e Dimarco. E non finisce qui: sempre secondo la Gazzetta dello Sport, stessa destinazione per Audero (Sampdoria), Chancellor (Brescia), De Maio e Mandragora (Udinese), Rrahmani (Verona), Immobile, Milinkovic e Simone Inzaghi (Lazio). 

Alla Maldive ci sono Icardi con Wanda Nara e Quagliarella con Debora Salvalaggio. Simeone prima a Parigi e poi a Londra con la sua Giulia, Ionita a Vienna. Lautaro Martinez torna a casa in Argentina, così come Higuain (Juve), il Papu Gomez (Atalanta) e Castro (Cagliari), Nandez in Uruguay. Pisacane a Napoli, Castrovilli (Fiorentina) in Puglia, Sebastiano Esposito a Castellammare di Stabia. 

Duvan Zapata tra Genova e Udine, dove ha giocato. Il portiere dell'Atalanta, Gollini in Finlandia. New York per il giovane attaccante del Torino, Millico. In montagna Bonucci (Juve), Ilicic (Atalanta) e Depaoli (Sampdoria) a Cortina. Sulle Dolomiti in Trentino c'è Barella (Inter), lo juventino Pjanic a St. Moritz.