Commenta per primo

 

"Se dice che ci sono troppe squadre, io l'accompagno. Dove c'è da far battaglia io l'accompagno...", risponde così, sorridendo, Claudio Ranieri al cronista che gli chiede se è d'accordo con il fatto che la Serie A sarebbe meglio con meno club.

"Le squadre in A sono troppe, noi giochiamo sempre, non abbiamo mai un attimo di sosta. Adesso ci sarà anche la Coppa Italia. In un campionato con meno squadre si lavorerebbe meglio, con le squadre che ci sono che sarebbero più preparate, il campionato se ne avvantaggerebbe e ci sarebbero vantaggi anche in Europa".

Al tecnico viene poi chiesto se non dovrebbe pretendere di più dai suoi attaccanti? "Vedo che gli attaccanti stanno lavorando tantissimo, Milito non sta trovando il gol per tutte le occasioni che crea e creiamo, ma siamo la seconda squadra che fa segnare più giocatori, questo anche grazie al lavoro delle punte, che so che comunque se riuscissero a mettere dentro qualche pallone in più sarebbero felici. Gli attaccanti vivono per il gol, se non segnano non si sentono realizzati: mi auguro che al più presto ci possano dare tutti quei gol che sono nelle loro gambe ma io comunque sono contento di tutto il lavoro che stanno facendo".

Ma Forlan ha le caratteristiche per 4-4-2? Anche questo viene chiesto durante la conferenza stampa: "Dipende da quello che si vuole da un 4-4-2... Lui ha caratteristiche offensive, lasciato libero è il suo ruolo, è prima e seconda punta, lo apprezzo tantissimo. Credo però che l'allenatore debba anche cercare di comporre una squadra con più giocatori di qualità sempre con equilibrio, perché se poi non c'è la fase difensiva va tutto a carte quarantotto".