Ci sono alcuni attaccanti che riescono a esprimere al meglio tutto il loro potenziale in serie B, realizzando davvero parecchie reti. Ciò però non accade loro nella massima categoria. A volte questo è dovuto semplicemente al fatto che non hanno avuto mai la possibilità di giocarvi, altre volte all’elevato grado di difficoltà della serie A o al poco spazio loro concesso dalle squadre in cui hanno militato. Quando, però, vengono acquistati da un club della cadetteria risultano dei veri e propri colpi di mercato.

Marco Sansovini nasce a Roma nel 1980. È una punta centrale, ma può essere utilizzato anche come attaccante destro. È un mancino, ha un fisico minuto, ma molto rapido nei movimenti. E’ dotato di senso dell’anticipo e di fiuto del gol. Nel 2008/2009 esordisce in serie B con la maglia del Grosseto realizzando 15 reti. Dopo una stagione di lega pro torna in cadetteria con la maglia del Pescara. Qui segna 11 gol. Lo scorso anno ha contribuito alla cavalcata degli abruzzesi verso la promozione in serie A con 16 marcature. Nell’attuale serie B è capitano dello Spezia e capocannoniere con 14 reti.

Daniele Cacia nasce a Catanzaro nel 1983. È una punta centrale. È destro, ha un forte senso del gol, in area di rigore è implacabile, è dotato di un buon dribbling e di estro. Vanta anche presenze in under 19 e under 21. Nel 2005/2006 e nel 2006/2007 realizza 18 e 14 gol in serie B con la maglia del Piacenza. Durante il mercato invernale della stagione seguente passa alla Fiorentina (serie A) dove trova poco spazio e non riesce a segnare. Il 2008/2009 lo disputa sempre nella massima serie con la maglia del Lecce e trova la via del gol soltanto in 2 occasioni. Dal 2009/2010 torna in serie B dove realizza nella prima stagione 4 reti nella Reggina, nella seconda 17 nel Piacenza e nella terza 11 nel Padova. Quest’anno con la maglia del Verona ha già segnato in 10 occasioni.

Ferdinando Sforzini nasce a Roma nel 1984. È una punta centrale, calcia di destro. È fisicamente forte, molto abile di testa, ha un elevato senso del gol. I primi anni in serie B li vive tra Verona, Modena, Vicenza, Ravenna, Grosseto ed Avellino. Per due stagioni riesce a superare quota 10 gol. Nel 2009/2010 veste la maglia del Bari (serie A), ma in 8 presenze non riesce a trovare la via della rete. L’annata successiva passa al Cluji (Romania), ma  nel mercato invernale torna a Grosseto (serie B), dove segna 8 gol. Nel 2011/2012, sempre in Maremma e in serie B, realizza ben 20 marcature. Non cambia squadra e categoria neanche in questo campionato in cui è già a quota 10 reti.

A questa lista si può aggiungere, tra gli altri, anche Matteo Ardemagni (Modena). È un attaccante completo. Fiuto del gol, ma bravo anche nel fraseggio con i compagni. La sua intelligenza tattica lo porta spesso a creare varchi per gli inserimenti dei centrocampisti. È forte fisicamente.