62
Dopo gli elogi dei mesi passati, la Juve U23 sta vivendo un momento di flessione importante, culminato con l'umiliazione patita sul campo del Lecco nel weekend. I bianconeri, infatti, sono usciti dal campo a testa bassa dopo aver subito addirittura un poker, che rischia di minare la fiducia dei ragazzi di Zauli. Nelle ultime cinque partite, infatti, sono arrivate due sconfitte e un pareggio, che hanno impedito alla Juve di restare agganciata al treno delle primissime in classifica e, anzi, di avvicinarsi sempre di più all'undicesimo posto.

OBIETTIVI INVARIATI - Ovviamente questa sconfitta non cambia in alcuna misura quelli che erano e restano gli obiettivi stagionali della squadra: i playoff. Al momento la Juve è ancora tranquilla e ha tutte le carte in regola per provare a scalare qualche posizione, anche se il solco con l'Alessandria è salito a 4 punti. Ora sarà importante per l'Under 23 non perdere la concentrazione e, soprattutto, non lasciarsi abbattere dalla sfida contro il Lecco, nata sotto una cattiva stella (al 7' i bianconeri erano già sotto di due reti) e terminata con un uomo in meno e un passivo da horror. Il club resta fiducioso e il progetto non è in discussione: non sarà certo una brutta sconfitta a cancellare quanto di buono fatto in questi anni. 

GIRONE A - Il Como capolista cade contro la Pro Patria, ma il Renate non va oltre l'1-1 nella sfida interna col Piacenza, rosicchiando solo un punto alla diretta rivale per la vittoria del campionato. Chi ne approfitta è la Pro Vercelli che grazie al successo sulla Giana Erminio sale a quota 50, a -5 dal Como. Corsa per il primo posto che, quindi, vede aggiungersi un partecipante esperto e di altissimo livello, che potrebbe rovinare la festa a Como e Renate, impegnate fino a questo punto in un solitario duello a distanza.
GIRONE B - Prestazione maiuscola del Cesena, sempre più squadra rivelazione del torneo, che costringe il Padova capolista ad uno 0-0 sul campo di casa. Il Cavalluccio, sfortunato e sprecone, ha sfiorato più volte la vittoria, graziando i padroni di casa ma ribadendo sul campo la grande compattezza del gruppo e la forza del progetto societario. Continua a macinare vittorie, invece, il Perugia, che strapazza 3-0 il Modena nello scontro diretto più importante della giornata, e si porta a -3 dal primo posto con due partite da recuperare. Vince anche il Sudtirol, che dopo due pareggi consecutivi ritrova i tre punti e accorcia sulla vetta.

GIRONE C - Dopo ben 25 giornate arriva la prima sconfitta per la Ternana, che cade sul campo del Catanzaro perdendo l'imbattibilità (nessun club nei maggiori campionati europei era ancora senza sconfitte) e anche tre punti su Avellino e Bari, entrambi vincenti nei rispettivi scontri con Casertana e Foggia. Il distacco dalla vetta, però, resta siderale, con i campani a -12 e i pugliesi a -13 dalla capolista. Faticano a ritrovare ritmo Catania, 1-1 con la Vibonese (terzo pareggio consecutivo) e Palermo, sconfitto dalla Viterbese, pur restando entrambe in zona playoff.