Calciomercato.com

  • Sindaco San Donato: "Ecco a che punto è il progetto stadio. Una fra Inter e Milan resterà a San Siro"

    Sindaco San Donato: "Ecco a che punto è il progetto stadio. Una fra Inter e Milan resterà a San Siro"

    • Redazione CM
    Il sindaco di San Donato Francesco Squeri, ha concesso una lunga intervista esclusiva ai microfoni di Newzgen, programma prodotto da Alanews, in cui si è soffermato a lungo nel commentare il futuro dello stadio di Inter e Milan con focus proprio sulla scelta del club rossonero di provare a realizzare un nuovo impianto nel suo comune e sull'idea di abbandonare San Siro.

    PROGETTO APPROVATO - “Sport Life City aveva presentato un progetto di arena approvato dalla passata amministrazione. All’inizio di maggio ho inviato le lettere per l’accordo di programma a Regione Lombardia, Ferrovie dello Stato e Città Metropolitana, che presumibilmente dovrebbero rispondere manifestando la loro disponibilità: a quel punto partirà un iter previsto dalla legge della durata di circa 18 mesi in cui verranno prese in esame tutte le opere cui dover far fronte".

    DISAGI E BENEFICI - "E’ indubbio che la costruzione di uno stadio possa comportare dei disagi per i cittadini, ma questa amministrazione è impegnata affinché i benefici siano infinitamente maggiori agli svantaggi e in questo anno e mezzo cercheremo di raccontarli alla cittadinanza. Pensiamo solo alla possibilità di disporre di una vera e propria stazione ferroviaria, con banchine allargate, più rotaie, addirittura treni ad alta velocità che possano fermare a San Donato".

    EVENTI - "Gli stadi moderni accolgono le persone, propongono eventi da ricordare, un po’ in stile americano, bisogna dimenticare quelli del passato. Lo stadio, se fatto in una certa maniera, può essere una grande opportunità per la città, ma tengo a ribadire che non è obbligatorio farlo a San Donato Milanese. Sicuramente, tuttavia, ci sarebbero grandi benefici, soprattutto per i giovani che avrebbero spazi in più di aggregazione e incontro".

    STRUMENTALIZZAZIONI - "Mi sembra, invece, che al momento ci siano delle strumentalizzazioni, da parte dei No-stadio, un po’ troppo esagerate: propongono sui social foto di tifosi che si picchiano, sporcizia, bottiglie di vetro in pezzi sparsi. Ci vuole più equilibrio”.

    UNA RESTA A SAN SIRO - “Da appassionato e tifoso milanista, quindi non in veste di sindaco, sono convinto che, per restare competitive nel calcio moderno, le due squadre non giocheranno più insieme nello stesso stadio: secondo me una squadra resterà a San Siro, mentre l’altra andrà in un altro impianto, non so se a Rozzano o San Donato. E’ solo una mia sensazione, non ne ho parlato con nessuno della società, ma se è vero che WeBuild presenterà un progetto per ristrutturare l’impianto garantendo la partecipazione di parte dei tifosi e il sindaco Sala, rispetto al passato, sta allargando le opportunità di allestire attività quali musei e store nei pressi dello stadio, non è certamente una cosa da poco. Personalmente, mi sembra strano i due club possano giocare all’interno dello stesso impianto”.

    INCONTRI CON FURLANI - “Come amministrazione, il nostro ufficio tecnico si è sempre interfacciato con Sport Life City; io ho incontrato il CEO Giorgio Furlani solamente una volta. Sono convinto che dialogare con Sport Life City sia corretto, una volta che il progetto dovesse passare a una fase di attuazione sicuramente il nostro ufficio interloquirà con i tecnici del club. Il fatto di non parlare direttamente con il management rossonero non sposta la lancetta delle probabilità”.

    Commenti

    (54)

    Scrivi il tuo commento

    Utente vxl 624783
    Utente vxl 624783

    Faranno di tutto per permettere di farlo fare prima all'inter, qualsiasi cosa provi a fare la soc...

    • 0
    • 0

    Altre Notizie