Nuova puntata nella lunga telenovela che dovrebbe portare alla costruzione del nuovo stadio della Roma. Questo pomeriggio la Conferenza dei Servizi della regione Lazio non ha concesso la sospensione di 30 giorni dei lavori chiesta dalla società Eurnova, che è la proprietaria dell'Ippodromo di Tor di Valle, l'area individuata per il nuovo impianto.

La richiesta della proroga era arrivata perchè serviva almeno un mese per chiudere nei dettagli le trattative. "La Regione - ha dichiarato Simone Contasta di Parsitalia - avrà tempo fino al 5 aprile per decidere come andare avanti". Queste invece le dichiarazioni di Michele Civita, assessore alla Mobilità della Regione Lazio: "La richiesta che noi abbiamo fatto a tutti gli amministratori e anche al proponente è di far pervenire alla Regione e alla Conferenza dei Servizi tutti questi materiali entro il 30 marzo. Quindi c'è il tempo di poterli valutare e determinare il parere dell'autorità. La Regione Lazio ha chiesto al Comune di Roma di definire entro il 30 marzo il procedimento di verifica e ridefinizione del progetto presentato per la dichiarazione di interesse pubblico. La procedura è stata avviata a far data del 27 di febbraio e a fine marzo auspichiamo di avere una parola chiara sul progetto definitivo presentato. Noi auspichiamo che entro la fine di marzo ci sia la chiusura di questo procedimento, con atti certi su cui tutti poi faranno le loro valutazioni".