8
Intervistato dalla Gazzetta dello Sport Dejan Stankovic ha parlato a tutto tondo di Nemanja Matic suo ex-compagno di Nazionale che oggi è a un passo dalla Roma.

PERFETTO PER MOU - "Per Mourinho ha due doti fondamentali: affidabilità e lealtà. Significa che sa di potersi fidare di lui sia in campo che nello spogliatoio, che è una persona seria, con dei grandi valori e una bella famiglia che lo segue. E poi José sa bene che è un guerriero. Uno di quelli che piace a lui".

PRIMO PASSAGGIO - "Molto forte. Bravo nel primo passaggio per cominciare la manovra, rapido nell’intervenire sulle seconde palle, abile di testa. Poi, grazie al suo fisico, ottimo per proteggere la difesa. Lo ammetto, sono molto curioso di vedere come si adatterà nel calcio italiano, ma non ho dubbi che farà bene"

SI E' TENUTO - "Preferisco vedere il rovescio della medaglia: diciamo che si è risparmiato per giocare altri due o tre anni a grande livello. In Premier c’è più dinamicità, mentre la Serie A è il campionato più tattico che ci sia. A quasi 34 anni, Nemanja ha l’esperienza per fare subito bene".
PROBLEMI CON MIHAJLOVIC - "Solite cose. Stai fuori, vorresti giocare di più, ci rimani male. Cose di campo che passano"

MOURINHO - "Io credevo di aver raggiunto il top di quello che potevo dare, invece mi ha messo in condizione di dare il venti-trenta per cento in più. Sa sempre che cosa chiedere, sa quali tasti toccare per farti avere la reazione di cui ha bisogno, dandoti anche complicità quando occorre. Come fare a non dare tutto per uno come lui? Per questo, al suo primo anno alla Roma, ha già vinto un trofeo. Certo, José ha un nucleo di 14-15 giocatori che utilizza sempre e che devono essere pronti a tutto. Questo può logorare, ma il fatto che ti dia fiducia è una cosa che regala carica».

MATIC VS MILINKOVIC - "Sono molto amici, ma se Sergej resta alla Lazio, sarà una sfida da non perdere"