80
Dejan Kulusevski ha le idee chiare. Non si è mai posto particolari problemi perché la sua priorità è solo e soltanto una: giocare, avere spazio, migliorare e migliorarsi. Ecco perché la questione legata al suo contratto formalmente in scadenza al 30 giugno col Parma lo preoccupa poco; di certo andrà regolamentata la questione tra club per i giocatori in prestito, a scadenza o già ceduti ad altre squadre come nel caso dello svedese, ma il parere del singolo calciatore sarà il riferimento principale e Kulusevski ha tutta l'intenzione di finire la stagione al Parma.

Ascolta "Subito alla Juve con più soldi o restare a Parma? Kulusevski ha già deciso" su Spreaker.
JUVE AL MOMENTO GIUSTO - Dejan è un ragazzo serio, sa bene che andando subito alla Juve avrebbe potuto percepire da luglio un ingaggio molto più importante ma una soluzione su questo fronte si trova; il problema è che naturalmente non potrebbe giocare neanche un minuto prima della prossima stagione, ecco perché rimane volentieri al Parma per crescere ancora, mettere minuti e partite di livello in Serie A nelle gambe e nel curriculum, arrivare a Torino ancora più pronto quando potrà essere protagonista e non per fare un'estate di calcio... da spettatore. C'è anche la sua riconoscenza verso il Parma cui rimane legatissimo, Kulusevski si sta allenando molto bene per tornare subito al top ed è grato alla società che lo ha lanciato in Serie A credendo in lui dalla scorsa estate. La Juve arriverà, questione di due mesi. Ma rimanere a Parma è un dovere morale e una scelta intelligente che Kulusevski non perderà per ragioni puramente economiche.