Commenta per primo
Il Toro si accontenta del suo obiettivo minimo - i play-off - ed effettua una scelta: rifiatare, perché puntare a migliorare il proprio piazzamento non serve e, soprattutto, perché si nutrono poche speranze di ko del Sassuolo. Normale, almeno in Italia, dove ogni risultato di fine stagione diventa prevedibile oltre ogni possibilità umana. E allora è giusto così: contro il Cittadella giochino tutti (o quasi) coloro i quali hanno avuto meno chance di essere partecipi a questa rimonta nel girone di ritorno. I 'big' verranno preservati per il rush finale. Tuttavia dalle cosiddette riserve ci si aspetta almeno qualche risposta sul campo contro il Cittadella. Già, perché gli imprevisti - lo ha dimostrato questo stesso campionato proprio al Toro - sono dietro l'angolo: tutti, in ogni caso, saranno fondamentali. I tifosi, dal canto loro, faranno il resto, pazienti e calorosi come sempre, in attesa di tornare in palcoscenici decisamente più adatti ed adeguati alla realtà granata: la serie A è un sogno, che Bianchi e compagni devono trasformare in realtà per amore di questa gente.