19
Caro Leo Turrini, a quanto pare quest’anno Hamilton non riuscirà a togliere a Michael Schumacher l’ultimo record…
“Beh, non ti nascondo che a noi ferraristi nostalgici farebbe pure piacere! Di sicuro con la vittoria messicana Verstappen ha messo una bella ipoteca sul titolo”.
Ora l’olandese sta a più diciannove.
“Esatto. E soprattutto la Red Bull ha un altro passo. A Hamilton nelle quattro gare che restano serve un mezzo miracolo. Anche perché…”
Anche perché?
“Ma hai visto la partenza?!? Bottas non ha minimamente aiutato Lewis e non ha per niente cercato di tenere dietro Verstappen. Temo che sapendo di essere in uscita da Mercedes si sia stufato di recitare la parte del fedelissimo maggiordomo”.
Parlami della Ferrari.
“Meglio di no”.
Dai.
“Beh, se l’obiettivo è il terzo posto nel mondiale a scapito della McLaren la missione per ora è compiuta. Ma Leclerc e Sainz hanno mangiato la polvere della ex Minardi di Gasly per tutta la gara!”
Magari le cose andranno meglio venerdì alla Nazionale Rossa.
“Debbono andare meglio! Io addirittura penso che la partita con la Svizzera sia più importante della eurofinale di Wembley”.
Ma dai.
“Sono serio. L’esclusione dal mondiale 2018 è una ferita che non si è mai rimarginata. Il semplice sospetto di un possibile bis è semplicemente intollerabile. Quindi l’Italia di Mancini ha una missione da compiere”.
Il derby di Milano?
“Me lo farò raccontare da chi l’ha visto. Il pareggio va bene al Napoli e a chi insegue “.
Allora John Elkann può consolarsi con la Juve, che è ripartita.
“Guarda, la Juve deve prendere esempio dal Chelsea”.
Scusa, ma nel week end di Premier i Blues di Tuchel manco hanno vinto.
“Infatti io parlo del Chelsea della passata stagione. Non fu mai seriamente in lizza per il titolo, però alla fine ha alzato la Champions”.
E tu credi che Allegri a primavera 2022 possa imitare Tuchel?
“Perché no? In serie A la Juve può sperare in un crollo di quelle che stanno davanti ma in Europa è padrona del suo destino”.
Tu devi essere amico di Maurizio Arrivabene.
“Facciamo che ne riparliamo a Pasqua…”
di Daniela Bertoni