Commenta per primo
A bocce ferme, la società non ha smesso di lavorare per portare qualcosa di nuovo alla squadra. La notizia ad effetto, lanciata oggi dal quotidiano “Messaggero Veneto”, pare confermata e da lunedì torneranno a lavorare insieme allo staff tecnico di Stramaccioni, tre ex collaboratori di Francesco Guidolin: Claudio Bordon, Adelio Diamante e Lorenzo di Iorio.

La simbiosi tra il nuovo tecnico e la società bianconera è stata totale da subito. Già Miano, Artico e Brunner, erano stati integrati dalla vecchia gestione alla nuova guida tecnica. Il segnale è importante e non significa che al di sopra delle parti ci sia la mano di Guidolin, tutt'altro, questa mossa oltre ad approfittare di personale già a libro paga della società, consente un lavoro più completo e personalizzato su tutta la rosa a disposizione.

La gestione della rosa da parte dello staff di Guidolin, nei quattro anni, non ha mai subito critiche in quanto a preparazione atletica e condizione fisica del gruppo. Più volte, anzi, è stato sottolineato come la squadra ne avesse sempre più degli altri verso il finale di stagione. Indice di una preparazione atletica ottimale. Ora questi ingredienti, inseriti insieme a un gruppo giovane, magari con poche esperienza, ma che sta già dimostrando di saper lavorare bene, può produrre una continuità di rendimento che mantenga alti gli standard.