C’è un po’ di viola anche in Parlamento. Con fortune alterne, ma resiste. La Repubblica sottolinea una curiosa iniziativa proposta dagli appassionati tifosi viola in politica: fare fronte comune contro i ‘nemici’ Juventus e Milan. Eh sì, perché i deputati e i senatori fiorentini e toscani di tutte le fazioni politiche hanno firmato una lettera bipartisan con l’obiettivo di rilanciare il Viola Club in Parlamento. Da Matteo Renzi ad Achille Totaro di Fratelli d’Italia, da Manuel Vescovi della Lega a Stefano Mugnai di Forza Italia passando per Gabriele Toccafondi di Civica Popolare. Ci sono tutti.

La ‘lobby’ viola fra gli scranni ha 10 anni: nato nel 2008 ha dovuto fare i conti con fortune alterne, dalla crescita con Nardella al periodo buio degli ultimi anni, soprattutto al cospetto di Milan e Juve sempre portati in alto da Monti e Galliani il primo e da Casellati e Boccia il secondo. Ne è nata una vera e propria lettera rivolta a Camera e Senato: “Il viola club prosegue la sua attività con l’obiettivo di promuovere e intensificare i rapporti tra tifosi e sostenitori della Fiorentina in Parlamento”, con tanto di invito: “Vi preghiamo di aderire compilando il modulo allegato in modo da poter convocare in tempi brevi un primo momento conviviale e una prima assemblea dei fan. Forza viola!”. Insomma, la politica divide ma il linguaggio del pallone unisce sempre.