10
Per la prima volta in questa stagione, la Fiorentina ha messo in campo una prestazione di alto livello, con idee e convinzione, mostrando a tutti dove sta portando il lavoro di Prandelli. La partita contro l’Inter, però, ha visto i viola uscire nuovamente sconfitti, con un gol arrivato a trenta secondi dalla fine dei tempi supplementari che lascia l’amaro in bocca, soprattutto perché i viola possono recriminare e non poco contro l’arbitro Massa. Innanzi tutto, per il mancato secondo giallo a Skriniar, che avrebbe sicuramente cambiato l’inerzia della gara, e poi per un rigore assegnato in maniera forse troppo fiscale ai neroazzurri e per un evidente contatto tra Lukaku e Martinez Quarta, che il direttore di gara non ha ravvisato. L’Inter ha meritato ai punti la qualificazione, anche se valutando tutti i singoli episodi la Fiorentina può lamentarsi eccome.

GIOCATORI- Prandelli, come tutti i giocatori della Fiorentina, però, hanno da subito cercato di vedere il bicchiere mezzo pieno, con le prestazioni positive di alcuni giocatori. Sicuramente la piccola Fiorentina ha dimostrato di poter schiacciare per diversi minuti la grande Inter, costretta ad inserire i pezzi da 90 che Conte aveva tenuto in panchina, grazie ad alcuni protagonisti a sorpresa. Se Castrovilli ed Amrabat sono giocatori di costanza e alto rendimento, Kouame ha stupito tutti poiché dall’ingresso in campo di Vlahovic è rinato, interpretando perfettamente il ruolo di seconda punta e trovando un gol magnifico. Lo stesso Martinez Quarta, coinvolto nell’episodio del gol di Lukaku suo malgrado, aveva giocato una partita di altissimo livello, non facendo mai vedere al belga la palla.
FUTURO- Con il ritorno in Italia di Commisso e il mercato che sta per entrare nel vivo, la Fiorentina adesso può guardare al futuro con un briciolo in più di serenità. Il presidente scuoterà sicuramente l’ambiente con la sua vulcanica personalità, e ha le carte in mano per poter rinforzare davvero la rosa a disposizione di Prandelli, che ha un gran bisogno di giocatori capaci di alzare il livello e garantirgli un girone di ritorno più tranquillo. Le esigenze sono sempre quelle che ripetiamo da diverso tempo, un regista, un esterno a destra e un attaccante di riserva esperto e capace di fare gol. Con questi elementi e la prestazione vista ieri, la Fiorentina può davvero togliersi delle soddisfazioni.