77
Pace fatta e punto a capo? Non ancora perché la parola fine sulla telenovela del tradimento di Mauro Icardi a Wanda Nara con la China Suarez, lo vuole mettere solo e soltanto la showgirl argentina che si è ripresa il suo uomo e ora ai microfoni della giornalista Susana Gimenez ha raccontato tutta la verità sulla vicenda.

IL TRADIMENTO - "Come l'ho scoperto? Eravamo in un campo con le bambine a cavallo. Una ragazza che organizza le nostre feste mi ha chiesto una loro foto, sapevo che ce ne erano alcune sul telefono di Mauro e quando ho guardato ho visto gli screenshot di una conversazione con una donna molto famosa che conoscono già tutti. La prima cosa che mi è venuta in testa è stata la rabbia, quindi ho messo la famosa storia da cui è partito tutto".

LE DONNE EI CALCIATORI - "I calciatori devono sapere che hanno un potere: possono dire o fare qualsiasi cosa e qualunque donna morirebbe per "stare in questo gioco".

LA CHINA SUAREZ - "Non ero un'amica di China Suárez. Avevo un rapporto cordiale e da quello che ho visto la mia rabbia forse è risultata un po' machista, ho incolpato lei. Ma poi ho capito di non avere niente contro di lei. Non ho mai avuto una relazione aperta, e per me un messaggino è divorzio. I messaggi dicevano cose che una donna con i valori che ho io non avrebbe mai scritto. Quando ho parlato con lei, mi sono scusata per la storia con quella parola poco elegante. Se c'è stata una videochiamata con China? Cinque giorni dopo quel presunto incontro".
I PROBLEMI CON ICARDI - "​Se China e Mauro si sono conosciuti? Sì, mi ha detto che non era niente e penso che sarebbe potuto succedere di tutto, ma è vero che non è successo niente. Sembra di sì, è venuta a Parigi. Tanti hanno detto e scritto che ho visto altre cose di Mauro, ma non c'è niente di più falso. Giuro sui miei cinque figli che non ho mai avuto questo tipo di problema con lui. Ma quando è successo tutto questo mi sono surriscaldata, ho preso il primo aereo che avevo e sono tornata a casa mia in Italia".

PACE FATTA - "Pensiamo all'affetto che abbiamo l'uno per l'altro e che è stato il grande errore della sua vita, vi dico che ci siamo detti piccole cose. Lui mi ha detto altre cose su personaggi famosi. Ci si può anche confondere a un certo punto e dire 'non voglio continuare'. Mi ha detto che voleva lasciare il PSG ma non sappiamo se è vero (ride, ndr). Non è stato davvero niente se ci pensi, ma per me è stato molto a causa delle abitudini che abbiamo".

MI FIDO DI NUOVO - "Non mi cambia se sia successo qualcosa tra loro o no. Oggi mi fido ciecamente di Mauro, potrei riempire questa stanza con 200 donne. Se non mi fidassi, non potrei continuare con lui. Mauro dice che se fosse successo qualcosa sarebbe stato diverso, era un punto nella relazione da dentro o fuori, ma siamo stati in grado di sceglierci di nuovo".