Commenta per primo

Wayne Rooney c'è. La strepitosa rovesciata realizzata dal numero 10 dei Red Devils porta con sé tanti regali per i tifosi dello United: la vittoria nel derby, un primato in classifica rafforzato e l'aver finalmente ritrovato il campione perduto. L'attaccante inglese aveva già dato cenni di ripresa dopo la doppietta rifilata all'Aston Villa due settimane fa. Poi ieri la perla al 78' minuto nel derby. Un gol capolavoro, di quelli che ti riconciliano con il calcio. Forse proprio la scintilla di cui aveva bisogno Rooney per ritrovare se stesso e il suo calcio. E si sa, i gol per gli attaccanti sono l'unica medicina possibile.

L'infortunio alla caviglia rimediato lo scorso anno contro il Bayern in Champions e le tormentate vicende personali lo avevano anestetizzato tanto da fargli dichiarare lo scorso ottobre di voler lasciare lo United. Poi la decisione di rinnovare e di mettersi nuovamente in gioco.
La domanda è lecita: Se il Manchester con un Rooney a mezzo servizio ha finora dominato il campionato, ora che l'ha ritrovato dove può arrivare?