Una brutta Juventus, già certa dell'approdo agli ottavi di finale, chiude il proprio girone di di Champions League con una sconfitta per 2-1 a Berna in casa dello Young Boys. Un ko segnato dalla grande imprecisione dei bianconeri che vanno sotto due volte con la doppietta di Hoarau e a cui nulla serve il gol di Paulo Dybala. Una sconfitta che non pregiudica l’accesso agli ottavi da prima classificata del gruppo H grazie al risultato di Valencia dove il Manchester United esce sconfitto 2-1 e non sfrutta l’occasione di scavalcare i bianconeri.
 
Allegri cambia gran parte del suo scacchiere tattico, ma non fa a meno di Ronaldo che ben due volte si divora il gol in apertura. L’allenatore bianconero è però costretto a cambiare tutto al 23’, quando Cuadrado chiede il cambio per un problema al ginocchio (LEGGI QUI), e al suo posto entra Alex Sandro. Suo malgrado è proprio il terzino brasiliano a fornire allo Young Boys l’occasione del vantaggio al 30’: Douglas Costa sceglie un passaggio orizzontale a centro area che Alex Sandro controlla male fermando anche fallosamente Ngamaleu. Hoarau è glaciale dal dischetto e segna l’1-0.
 
Nella ripresa arriva anche il raddoppio, stavolta in contropiede con Hoarau che supera tutti e beffa Szczesny dalla distanza. Allegri cambia ancora e solo l’ingresso di Dybala dà fiducia alla manovra (spenta fino ad allora) della Juventus. Proprio l’argentino trova il 2-1 sfruttando una splendida sponda di Ronaldo e nel finale trova anche il 2-2, annullato però proprio per fuorigioco di un spento CR7, mai così male in Champions League. La Juventus passa come prima, ma il ko fa rumore e Allegri non può far altro che ringraziare il Valencia..