71
Le parole del presidente Andrea Agnelli ("Abbiamo lo stesso sogno e lo realizzeremo insieme") confermano la permanenza di Antonio Conte sulla panchina della Juventus. Secondo la Gazzetta dello Sport, l'allenatore vuole vincere la Champions League in bianconero e rinnoverà il proprio contratto fino al 2017 con tanto di aumento di stipendio da 5 milioni di euro all'anno, mentre il Monaco era pronto a offrirgli un triennale da 6 milioni a stagione. 

NUOVO MODULO - Nella prossima stagione Conte ridisegnerà la sua Juve con un nuovo sistema di gioco: 4-2-3-1 e 4-3-3 le linee guida, dunque meno difesa a tre e forze fresche sulle fasce. Rinforzi comunque in ogni reparto, anche grazie all'eventuale ricchissima cessione di Pogba

VERTICE COL PSG - Ieri Agnelli ha incontrato per quasi un'ora in un albergo a Parigi il presidente del Psg, Nasser Al Khelaifi, disposto a offrire 70 milioni di euro per riportare in patria l'astro nascente francese. Sinora la Juve ha tenuto duro perché anche Real Madrid, Chelsea e Manchester City hanno messo gli occhi sul centrocampista e proprio questa concorrenza dà forza alla strategia bianconera di difendere il proprio gioiello. Una serenità testimoniata dagli ottimi rapporti con il giocatore e il suo agente, Mino Raiola: anche per questo sono slittati gli incontri per il rinnovo del contratto in scadenza nel 2016. La Juve intende riconoscergli un aumento sino a 4,5 milioni netti fino al 2018, però sull'altro piatto ci sono proposte intorno agli 8 milioni netti per Pogba.
MERCATO IN ENTRATA - In difesa sono già nel mirino della Juventus i centrali Ranocchia, Alex, Hummels e Vermaelen oltre ai terzini Coentrao e Basta. A centrocampo occhio a Guarin dell'Inter e a Pereyra. Più avanti riecco Van Persie, Morata e le ali Cuadrado, Nani, Menez ("A fine stagione lascio il Psg, non rinnovo"), Di Maria e Cerci, senza trascurare il possibile rientro alla base di uno fra Berardi e Gabbiadini

 
Get Adobe Flash player