Calciomercato.com

Napoli, parla il consulente Josè Alberti: 'Cavani a Londra, Mazzarri via'

Napoli, parla il consulente Josè Alberti: 'Cavani a Londra, Mazzarri via'

  • Giovanni Scotto

Di esperti di trattative ce ne sono tanti, ma in pochi ci azzeccano. Uno di questi è il consulente di mercato José Alberti, grande conoscitore del calcio sudamericano. Da sempre affezionato ai colori azzurri e alla città di Napoli, Alberti è stato tra i primi a dare per certo lo scorso anno il passaggio di Lavezzi al Psg: ne parlò addirittura a marzo. Ma ha anche 'predetto' il trasferimento di Thiago Silva e Ibrahimovic, sempre ai francesi, subendo anche qualche contraccolpo da parte del Milan. Ecco perché Calciomercato.com prova a fargli ripetere il 'colpaccio' chiedendogli informazioni sul futuro di Edinson Cavani.

Allora José, dove andrà Cavani nella prossima stagione?
'Cavani va in Inghilterra, per 63 milioni di euro, senza contropartite o sconti. Di questo sono sicuro'.

Precisamente dove, in Inghilterra?
'A Londra. Giocherà in una squadra londinese'.

Il Chelsea, allora?
'Mi spiace non posso dirlo: a Londra ci sono anche altre squadre. Conosco il club ma non posso fare il nome perché ho promesso di non diffonderlo, e voglio essere corretto. Anzi, non vorrei prendermi una querela come accadde col Milan lo scorso anno. Non è il Manchester City: c'è stato un interesse, ma non se ne farà nulla. Niente da fare per Real Madrid e Psg'.

Quindi non crede neanche all'ipotesi Dzeko?
'De Laurentiis ha detto che non vuole sconti, e nemmeno contropartite. In ogni caso Dzeko a Napoli non verrebbe, anche perché guadagna 7 milioni di euro. Il presidente azzurro darebbe questa cifra solo al Matador in caso di rinnovo, ma non certo a un calciatore nuovo. I parametri del Napoli sono più bassi'.

Come mai questa trattativa per Cavani non è ancora decollata?
'L'offerta c'è da tre mesi. È vero, Lavezzi si impegnò tra febbraio e marzo col Psg. In questo caso aspettano la fine del campionato, ovviamente ci sono i regolamenti Fifa da rispettare. Ma non prevedo scossoni e colpi di scena. Cavani andrà via sicuramente'.

E De Laurentiis?
'Non sta facendo nulla di particolare per trattenere Cavani. Così come fece con Lavezzi un anno fa. Di certo lui non si strappa i capelli, e diciamoci la verità, tutti cederebbero Cavani a quella cifra. Secondo me De Laurentiis è un grande presidente, ma coi soldi di Lavezzi non ha comprato nessuno. Mi auguro che dopo l'addio di Cavani le cose possano cambiare'.

Tu come lo sostituiresti Cavani?
'Serve un top player, uno che segna come lui. Altrimenti non sarà possibile rimpiazzarlo adeguatamente. Osvaldo o Damiao sono validi giocatori, ma il brasiliano non è in grado di sostituire il Matador, e neanche l'italo-argentino. Servirebbe un'operazione tipo Lamela o Lucas, ossia prendere un vero campione a poco prezzo: preciso che questi due calciatori furono proposti al Napoli, ma sono stati snobbati. Per Lamela oggi c'è un offerta dall'Inghilterra di 50 milioni di euro, tanto per dire'.

Perché il Napoli non li ha presi?
'Perché preferiscono acquistare Chavez, Hoffer, Santana e Mascara. Come si può vincere lo scudetto con un mercato di questo tipo?'.

E invece cosa farà Mazzarri?
'Andrà via anche lui: si sposterà poco, di 200 chilometri. Non dico Roma, perché mi risulta che non sia ancora fatta. Ma al 99,9% l'allenatore lascerà Napoli per andare ad allenare altrove'.

Via Cavani, via Mazzarri. Non è un bel pasticcio per il Napoli?
'Il toscano ha fatto un grande exploit: è sempre migliorato e ha pure vinto un trofeo. Dopo questa stagione gli azzurri dovranno fare almeno il secondo posto per non parlare di fallimento. Mazzarri non se la sente di mettersi in questa situazione, e preferisce una piazza dove anche un quinto posto sarebbe un successo. Riguardo gli azzurri, secondo me per come sono messi adesso non possono sperare di confermarsi al vertice. Non dimentichiamo che la Juve sarà ancora più forte, il Milan crescerà, e non sottovaluterei l'Inter e le due romane'.

Vuoi dire che non arriveranno grandi giocatori?
'De Laurentiis fino ad ora non sta lavorando su dei nomi altisonanti. Verranno giocatori come Benatia, che sono buoni elementi ma che non sono da scudetto. Perderemo Cavani, e De Laurentiis rischia di fare come con Lavezzi. Entrano soldi ma non calciatori all'altezza di chi va via'.

E in panchina chi al posto di Mazzarri?
'Non Di Matteo, che rimarrà in Inghilterra e aspetta la panchina del City. In Italia si parla di Montella, ma io credo che lui sia troppo pacato. Ci vorrebbe un tecnico alla Mourinho, o alla Conte: uno tosto che sa come dare la scossa. Montella è bravissimo, ma ha un carattere alla camomilla'.

Altre notizie