1
Il tecnico dell’Atalanta Gian Piero Gasperini è pronto a ricominciare una nuova stagione con la sua squadra rinforzata dai new entry del mercato, domani alle 15  contro il Torino all’Olimpico. Una trasferta che servirà per vedere la forma raggiunta durante le settimane di preparazione, inedita, a Zingonia, come spiega l’allenatore di Grugliasco in conferenza stampa al Centro Bortolotti: “Io credo che la squadra stia abbastanza bene, abbiamo potuto lavorare meglio di quello che pensavamo all’inizio, con tempi differenti, qualcuno ha avuto qualche problema ma abbiamo fatto un lavoro completo”.
 
CASI POSITIVI A TORINO- Purtroppo questi problemi del Covid ci sono ancora, noi li abbiamo avuti all’inizio della preparazione, speravamo di iniziare il campionato cun un’altra situazione, le mille persone che arrivano allo stadio sono un segnale ma la situazione si sta protraendo anche per più tempo di quanto immaginavamo".
 
ILICIC- Ilicic ha ricominciato, siamo più fiduciosi di qualche settimana fa ma i tempi non sono così rapidi come qualcuno dice, ma questa settimana si sta allenando con buona continuità, lo abbiamo ritrovato come era, la notizia più bella è che ci sembra stia superando tutto. Adesso è importante che lui sia a posto, ha passato un brutto momento, come giocatore ci sta dando delle belle sorprese ma non ha fatto nemmeno una partitella di allenamento. Lui si ferma qui ad allenarsi oggi e domenica mattina ricomincia con noi, se riesce a fare una buona settimana la prossima, poi c’è la sosta...quindi vedremo, ma non gli metterei fretta, se sarà in grado di giocare anche degli spezzoni sarò il primo a farlo entrare. Mi ha già chiesto cosa Miranchuk ha più di lui…io gli ho detto ‘la testa di sicuro’! A giugno c’era qualche problema in più, ora che è qui con noi e anche noi potremo essergli un po’ d’aiuto, gli è successo in un momento straordinario, questo per capire come è complesso il nostro cervello umano, nel momento più straordinario lui ha sofferto così tanto, non so se il Covid ha pesato e ci sono degli strascichi, l’unica cosa per noi importante è che il ragazzo venga recuperato come persona”.
 
 TRA I TOP 5 DGLI ALLENATORI UEFA- “Una soddisfazione enorme, un premio di una stagione straordinaria che abbiamo fatto tutti insieme, però penso se fossimo riusciti a reggere ancora 1’ di quella partita... ma è un riconoscimento internazionale, una grande soddisfazione".
 
 STESSA FORMAZIONE- “Questa settimana giochiamo tre gare con la stessa squadra dell’anno scorso, per Gollini e Ilicic ci vorrà un po’ di tempo, Castagne non c’è e Romero è squalificato, Piccini e Miranchuk hanno bisogno di tempo per recuperare, Lammers e Mojica sono arrivati solo l’altro ieri. Se guardo in prospettiva penso che avremo delle grandi soluzioni”.
 
 OBIETTIVI STAGIONALI-Ho già detto che noi non possiamo partire con l’obiettivo dello Scudetto, dobbiamo cercare di iniziare il campionato e poi porci degli obiettivi strada facendo, abbiamo degli impegni molto stimolanti. Il campionato quest’anno sarà molto diverso. Ci sono squadre dietro come Milan, Napoli che giocano bene e già bene fnello scorso finale di stagione hanno finito molto bene. Partono da un livello che per loro si è alzato, potrà essere un campionato molto più equilibrato”.
 
 MERCATO- Non sarà facile perfezionare ulteriormente l’organico perché abbiamo un tetto di stranieri già over. In difesa abbiamo avuto Romero, in avanti c’è un po’ più di affollamento che io non amo molto, per non fare confusione e perdere tempo, ma i giocatori arrivati sono di ottimo valore. Speriamo che Piccini possa essere disponibile presto e in mezzo al campo siamo più contati, se non succedono infortuni siamo a posto lo stesso”.
 
 AFFOLLAMENTO IN ATTACCO-Molto dipenderà dal recupero di Ilicic e dall’inserimento di Miranchuk, per affollamento intendo l’arrivo di Lammers, ma è un ottimo giocatore. Quest’anno giochiamo tre partite a settimana fino a gennaio di sicuro, ma ci sono le cinque sostituzioni. Io mi auguro che entrino e spacchino subito i nuovi giovani, Malinovskyi giocherà più nella zona di centrocampo e Pasalic tra i centrocampisti, l’anno scorso giocavano sempre nella posizione d’attacco”.
 
 CHIAREZZA IN AREA PICCOLA- Finalmente hanno riconosciuto che quel rigore dato per fallo di de Roon non sarà più un rigore, ci sono state troppe situazioni confuse. Un regolamento serio deve essere chiaro”.
 
NUOVI ARRIVI- Vedremo sul campo, chiedevo qualche nuemro in più di qualità, prima dovevamo fare 13-14 partite con pochi giocatori credo che quest’anno abbiamo troppe partite davanti oviettivo avere qualche alternativa in più e qualità è fobdamnetale. Ho molta fiducia molta, ci sono giocatori da recuperare come Piccini e Lammers, Miranchuk è un giocatore molto imporatnte nel suo Paese, una bella scommessa, Romero sta facend molto bene, Mojica arriva a rafforzare una zona laterale. Credo che dovrò ruotare un po’ di più la rosa, questo mi fa perdere tempo ma per inserire qualcuno dovrà rischiare anche le certezze. Piccini e Miranchuk non hanno ancora fatto un allenamento con la squadra, Lammers e Mojica sono arrivati l’altro giorno, Romero ha già fatto alcune delle sue entrate però è squalificato”. 
 
RIAPERTURA STADI- “Un’ottima idea far entrare medici e paramedici sugli spalti, va a premiare delle persone che hanno rischiato la loro vita per altre persone, hanno fatto un lavoro straordinario, bella iniziativa, spero che vengano in mille, tutti quanti”.
 
L’AVVERSARIA- Rimane comunque un’ottima squadra il Torino, ha vissuto una seconda parte di stagione difficile l’anno scorso. Hanno cambiato allenatore, è una fase nuova di rodaggio, le capacità di Giampaolo sono riconosciute, saprà fare un ottimo lavoro” .

ZAPATA E PALOMINO- "​Zapata ha fatto bene con continuità, Palomino è più indietro, ha avuto alti e bassi, per il resto globalmente la squadra sta bene". 
PIRLO- "Si tratta di una scelta che ha fatto la Juve, è stato un riferimento importante, hanno voluto affidarsi su una persona che conoscono molto bene. Evidentemente ha già delle caratteristiche giuste".