13
Josep Bartomeu resiste: niente dimissioni da presidente del Barcellona, almeno non per il momento. Intervenuto in conferenza stampa durante l'Assemblea Generale Ordinaria del club, Bartomeu non ha annunciato la propria uscita e spiegato situazione per il voto di sfiducia: "Abbiamo messo in atto meccanismi adeguati per il voto di sfiducia, proponendo l'1 e il 2 novembre in 13 località della Catalogna. Abbiamo formato una commissione per analizzare le date, ma visto il ritardo, ci serviva una logistica complessa e loro hanno risposto che ci avrebbero dato la copertura necessaria. Le riunioni tecniche stavano facendo il loro corso, ma giovedì scorso la nostra richiesta di avere 15 giorni per rendere il suffragio il più universale possibile non è stata rispettata. Il Governo della Generalitat non ha accettato di farlo il 15 e il 16 in modo decentrato. Ieri il presidente del governo spagnolo ha decretato lo stato di allarme e il coprifuoco, stabilendo un massimo di 6 persone alle riunioni. E la Catalogna ha decretato la reclusione notturna. Abbiamo inviato una lettera alla Generalitat chiedendo come si potesse garantire il voto dei soci over 65 e come si potesse garantire la salute dei 300 lavoratori. Sappiamo che viviamo in situazioni gravi che richiedono misure eccezionali, incompatibili con posizioni di parte. Abbiamo deciso che ci rivedremo quando avremo le risposte. Il Covid-19 ci colpisce e il Barça accusa le conseguenze, in ambito economico sono insindacabili. Significava 200 milioni di perdite, qualcosa che nessuno poteva prevedere".

SFORZI - "Apprezziamo lo sforzo dei nostri atleti nell'adattare il loro reddito all'economia attuale".

KOEMAN - "Abbiamo deciso di puntare su Ronald Koeman, l'allenatore ideale per affrontare una ristrutturazione della rosa. Oggi voglio ringraziarlo per aver accettato la posizione, affrontate misure impopolari e decisioni coraggiose che stanno già dando frutti".

MESSI - "La priorità era che Messi fosse nel nuovo progetto e ho deciso di non affrontare una discussione dialettica. Mi ha accusato di aver forzato il suo addio per salvare i conti. Ebbene no, non rafforzeremo un rivale diretto. Abbiamo preso una decisione accettando l'attrito".

VOTO DI SFIDUCIA - "Tutto ciò di cui abbiamo parlato oggi è unanime da parte di tutti i dirigenti. Per quanto riguarda il voto di sfiducia, si attende una risposta della Generalitat per sapere se la situazione sanitaria è mantenuta per poter votare l'1 e il 2 novembre. Abbiamo sempre voluto un voto decentrato, in varie sedi in modo che il maggior numero di membri possibile votasse, per questo abbiamo chiesto altri 15 giorni, ma giovedì scorso ci è stato detto che sarebbe stato il 1 e il 2 novembre. Non abbiamo tempo e se il voto è centralizzato al Camp Nou l'1 e il 2 novembre, dovrà essere fatto con un protocollo sanitario adeguato. Massimo rispetto per i 20.000 soci che hanno firmato questo voto di sfiducia. Non abbiamo mai voluto paralizzare nulla, ci siamo solo accorti di un fatto che poteva essere irregolare. Possiamo essere contenti di come tutto si è sviluppato".

AUDIO VAR - "Proprio ora, quando stavo entrando in conferenza stampa, sono stato informato che ci sono audio di un guardalinee con l'arbitro al Barça-Madrid. Li analizzeremo. Abbiamo stabilito un requisito perché non può essere che il VAR sia in una partita in un modo e in un altro modo in un'altra partita".

DIMISSIONI - "Abbiamo sempre chiesto un voto decentrato in Catalogna e nel resto dello stato in modo che il membro non debba viaggiare e che ci sia molta partecipazione. Ecco perché chiediamo 15 giorni dopo. Se ci dicono che sono l'1 e il 2 novembre, ci rivedremo e parleremo. Speculazioni non ne farò, ma il processo dovrebbe essere completato".

DIMMISIONI PER MESSI - "A causa del caso Messi, non mi è mai passato per la mente di dimettermi. Il progetto è molto interessante con giovani e veterani, come Messi. E penso che con lui vinceremo un titolo in questa stagione. Entrando nelle posizioni di tutti, l'empatia è importante. Nel caso di Leo è bene arrabbiarsi perché non è bene accettare le perdite e ci siamo arrabbiati tutti. Ma c'era una scadenza per lui per annunciare se avrebbe continuato o meno. Non l'ha fatto ed eccolo qui. Vogliamo tutti che si ritiri al Barça".
SICUREZZA SANITARIA PER IL VOTO - "Decentrare è il miglior modo igienico, abbiamo bisogno di 15 giorni per farlo correttamente".

RIDUZIONE INGAGGI - "Non è una riduzione, è un adeguamento dello stipendio alle entrate del club. Sappiamo come sono finiti gli accordi con gli atleti del club da marzo. Penso che il tavolo dei negoziati finirà bene. Lavoriamo con molte incognite. Non sappiamo se le gare si fermeranno. Siamo ancora al club perché c'è incertezza ogni giorno e tante decisioni da prendere ogni giorno".

FORZARE UN CAMBIO DIRIGENZIALE - "E' questa la volontà della Generalitat? Mi piacerebbe pensare di no. Abbiamo sempre cercato di stare fuori dalle forze politiche e mediatiche per poter decidere in modo indipendente. Spero che non sia così e che la Generalitat ci informi della sua posizione definitiva e ci dica se le condizioni igienico-sanitarie sono valide per l'1 e il 2 novembre. Se il voto deve essere 1 e 2 novembre è impossibile farlo decentralizzato, abbiamo bisogno di 15 giorni, per concordare con la Federazione catalana e spagnola per avere la sede centrale preparata e informare i partner. Non è sconsiderato o irresponsabile chiedere questi 15 giorni, domani martedì era previsto un incontro perché la Generalitat conosceva i 15 giorni dall'inizio. La convalida del voto di sfiducia si è conclusa il 9 ottobre. Abbiamo ricevuto una lettera dal presidente del voto di sfiducia. E iniziano a prepararsi con tre settimane di tempo per votare l'1 e il 2 novembre, sempre in modo decentrato, senza che il membro debba recarsi al Camp Nou".

CAOS VAR - "I dialoghi tra assistenti e arbitri sono costanti in una partita, ci mancherebbe. L'arbitro è andato al monitor e ha deciso. Lo analizzeremo. Ma vediamo interpretazioni diverse delle stesse opere in giochi diversi. Vogliamo un VAR il più equo possibile".

PENSATO DI DARE OGGI LE DIMISSIONI - "Finché non avremo la risposta della Generalitat, non prenderemo decisioni. Erano in attesa".

PAURA DI ESSERE IL PRIMO PRESIDENTE DEL BARCELLONA ESPULSO? - "Non gestiamo il club con paura, è importante che il socio del Barça si esprima. Dal 2010 abbiamo vinto 22 titoli, è la migliore media di un decennio. Ci amiamo l'un l'altro senza vincere l'anno scorso. Ci sono molte cose da spiegare al socio. Ho cercato di spiegare l'attuale e difficile situazione che affronta il calcio, la società, la famiglia ... Abbiamo dovuto prendere decisioni coraggiose in pochi giorni e la nostra decisione è stata quella di continuare e non indire elezioni prima per una questione di responsabilità. E nel mezzo di una pandemia, devi continuare a prendere decisioni ogni giorno. Vogliamo continuare a lavorare per il meglio del Barça sapendo che c'è un voto di sfiducia. Non c'è motivo di dimettersi perché abbiamo già fissato una data per le elezioni a marzo. Anche se passiamo il voto di sfiducia, quella data rimane. Il messaggio del socio è che vuole votare di sfiducia, in quanto nei due tempi interiori, vuole sapere cosa pensa l'intera massa sociale. Abbiamo presentato un protocollo sanitario decentralizzato per farlo l'1 e il 2 novembre, ma poiché non abbiamo avuto la lettera la scorsa settimana, siamo stati costretti a presentarlo centralizzato se doveva essere in quei giorni. Non c'è un partner approvato, ma siamo in trattativa con aziende interessate a partecipare e quando saranno più avanzate diremo quella prescelta. Sono numeri che ci permettono di vedere che il lavoro svolto negli ultimi tre anni sta dando i suoi frutti. Questa è una buona notizia perché può essere un investimento molto positivo. Questo club deve sempre appartenere ai membri e non essere una società per azioni".

ANCORA MESSI - "Capisco che Messi fosse arrabbiato, ma non potevamo lasciarlo andare perché è la chiave del progetto e speriamo che nei prossimi giorni dirà che vuole restare e rinnovare. Piqué? Lo amiamo, ma non è vero che il club, come ha detto, ha speso soldi per criticare i giocatori sui social. Un audit lo conferma. Sono molto contento che abbia rinnovato e adattato il suo stipendio alle entrate del club. E leggendo le sue parole, non discuterò con i giocatori in pubblico, solo in privato, hanno le porte aperte e ogni tanto vado a casa loro".