Il presidente del Cagliari Tommaso Giulini ha concesso una lunga intervista a Il Corriere dello Sport, nella quale ha parlato anche della cessione di Nicolò Barella all'Inter: "Era l'estate giusta per venderlo? Adesso lo posso dire, sì, ne ero sicuro. Anche sul piano personale la partenza di Nicolò è pesante, io e lui abbiamo vissuto insieme questi anni, l'ho visto nascere come calciatore, crescere, affermarsi, conquistare la Nazionale. Appena arrivai alla presidenza, Matteoli mi disse che c'era un ragazzo che aveva grandi numeri. Subito in Primavera, poi l'esordio con Zola in Coppa Italia. Da allora Nicolò è sempre stato in prima squadra ad eccezione della stagione in cui decisi di mandarlo a farsi le ossa a Como. Rastelli e Capozucca erano contrari, mi imposi. Nicolò tornò da Como che era un uomo, fu un passaggio fondamentale della sua maturazione. Cagliari la casa, le coccole, Como il momento del distacco. Io e Beltrami, il suo agente, gli comprammo l'auto a metà, una 500, cinquanta e cinquanta... Confesso che ho un pensiero fisso. L'altra sera, arrivato a Milano, Nicolò è venuto a casa mia, ci siamo abbracciati e gli ho ripetuto che per me si trattava di un arrivederci e che un giorno l'avrei ritrovato nel Cagliari. E lui ha la mia stessa idea. Nicolò ha impersonificato al massimo il nostro mantra: noi siamo speciali, il Cagliari è speciale, il Cagliari prima di tutto. E' cresciuto alla scuola calcio di Gigi Riva e in seguito vicino a Daniele Conti, Cossu, Dessena, Sau, ha dentro di sé i contenuti, i valori dei cagliaritani. Un ragazzo equilibrato, un leader naturale, ma con la spregiudicatezza e la spensieratezza del ventenne. I suoi sono vent'anni particolari, è sposato, ha due bimbe. La donna che gli sta al fianco ha un ruolo troppo importante, è il tuo centro. Parlo per lui ma anche di me, nella mia vita mia moglie ha un peso determinante. E poi ci sono i figli. Uno dei miei quattro maschi, Giacomo, è nato a Cagliari, è un tifoso appassionato e anche un ottimo consigliere, naturalmente gioca nella mia squadra di calcetto".