Commenta per primo

'Non c'è molto da dire sulla sconfitta - dice Andrea Masiello incontrando i giornalisti quest'oggi - è mancato qualcosa a livello caratteriale da parte della squadra. Ora come ora, non ci rimane che giocare e fare del nostro meglio per uscire a testa alta. Inutile dire che servirebbe vincerle tutte. Abbiamo sottovalutato alcuni fattori. Avremmo, forse, dovuto ascoltare prima il campanellino d'allarme, magari dopo le prime 4-5 sconfitte consecutive, invece di dirci che potevamo tirarci fuori da quella situazione".

Sulle possibilità di rimanere a Bari, Masiello non si nasconde: "Ho due anni di contratto con questa società. Se la vendita del mio cartellino può portare benefici all'economia del Bari allora sarei contento. Mi spiace per il presidente che ha sempre creduto in noi dedicando molto a questa squadra. Non è giusto che le critiche e le contestazioni le prenda solo lui, in fondo siamo noi che scendiamo in campo. Chi porterei con me? Sicuramente Gazzi e Parisi".